PRIMO PIANO

0 [post-views]view 8 mins
Corriere di Taranto
Melucci si ritiene deluso dall'esclusione della città. Ma è da anni che i Governi lo fanno

Rinaldo Melucci: «Chiediamo a Bruxelles di vigilare in queste ore delicate per Taranto. Sull’ex Ilva leggiamo ancora parole impegnative del Governo, ma non abbiamo la sicurezza che si stia operando in coerenza con la sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo del 24 gennaio 2019. Non vorremmo, pertanto, che l’Unione Europea assegnasse all’Italia risorse del Recovery Plan o del Just Transition Fund e queste venissero impiegate per una riconversione parziale ed inefficace, diciamo di facciata, dello stabilimento siderurgico». E ancora: «Non conosciamo alcun dettaglio dell’accordo che il Governo sta chiudendo con ArcelorMittal, la città non c’è. E se i termini sono quelli dell’intesa di marzo non sono sicuramente nell’interesse di Taranto. Ci saremmo aspettati trasparenza, siamo delusi e preoccupati».
E’ lo spunto, cioè le riflessioni del sindaco di Taranto sull’imminente accordo tra Governo e ArcelorMittal, per spremere qualche opinione. Spesso proprio Melucci ha lamentato l’esclusione del Comune, quindi la città,…

IN EVIDENZA

Covid-19: i dati aggiornati sulla diffusione a Taranto
Corriere di Taranto

Questi i dati sulla diffusione del virus nella nostra città, aggiornati al 24 novembre….

Covid-19, al Moscati 66 pazienti. E tre decessi
Corriere di Taranto

L’ASL Taranto ha reso noto che, alle ore 15 del 25 novembre 2020, l’ospedale…

Covid-19, Puglia: i numeri sono stabili
Corriere di Taranto

L’ultimo bollettino sulla diffusione del virus segnala che sono stati processati 9.988 test (ieri…

12 ottobre 2020

Posa prima pietra Ospedale ‘San Cataldo’

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha partecipato alla posa della prima pietra del costruendo nuovo ospedale ‘San Cataldo’. Il nostro giornale ha deciso di contare i giorni che occorreranno per la consegna della nuova struttura alla città.

POLITICA & PALAZZO

“La Corte dei Conti ha registrato la delibera che riguarda il piano di recupero e rilancio dell’ex Stazione Torpediniere che si inquadra in un più ampio progetto di riqualificazione del sistema portuale della città di Taranto che include anche
Desk / Nov 25

GREEN & JOB

“Noi ci siamo e con noi dovete fare i conti. Tra pochi giorni ci troveremo di fronte di fatto ad una nuova società con il perfezionamento dell’accordo tra Governo e ArcelorMittal. La nuova società sarà partecipata per il 50% dal capitale pubblico dello Stato. L’ingresso e la partecipazione dello Stato attraverso Invitalia non possono essere semplicemente una decisione di natura finanziaria. È indispensabile che lo Stato assuma un ruolo e una funzione di indirizzo e
Di Noi / Nov 25

FLASH CRONACA

Tre giovani ladri sono stati intercettati ed arrestati dal personale della Squadra Volante di Taranto. Intorno alla mezzanotte di ieri i poliziotti della Sala Operativa 113 hanno ricevuto la segnalazione, nei pressi di una farmacia a pochi metri dalla Questura,
Desk / Nov 25

SPETTACOLI & CULTURA

“Quello del Concorso per compositori “Luis Bacalov” è solo il rinvio di un momento molto atteso dedicato alla poliedricità di un artista indimenticato”. Il direttore artistico dell’Orchestra della Magna Grecia, il Maestro Piero Romano, informa il pubblico su quello che doveva essere l’epilogo del progetto condiviso fra l’Orchestra della Magna Grecia e l’Amministrazione Melucci. Un concorso internazionale previsto in un primo momento domenica 15 novembre al teatro Fusco di Taranto, ma rinviato a data da
Desk / Nov 24

ALTRE NEWS

Usb: “Accordo Mittal-governo segreto di Stato?”
Di
“Segreto per tutti il contenuto dell’accordo che va perfezionandosi tra lo Stato e ArcelorMittal. Ad essere all’oscuro della trattativa non
Accordo Governo-ArcelorMittal, Melucci e Gugliotti scrivono ad Invitalia
Di
Il sindaco del Comune di Taranto Rinaldo Melucci e il presidente della Provincia di Taranto Giovanni Gugliotti hanno inviato all’amministratore
Ex Ilva, l’Ugl: “Governo e Mittal, accordo al buio”
Di
“Abbiamo da sempre sostenuto e lamentato le scarse relazioni industriali con ArcelorMittal, l’Ugl Metalmeccanici ritiene che solo l’accordo del 6 settembre 2018,
System House e Data Center: Usb proclama sciopero
Di
Conferenza stampa nella mattinata di oggi davanti ai cancelli del call center, in via del Tratturello a Paolo Sesto, System House e
Cor_Sport_logo
0 [post-views]view 40 secs
Corriere di Taranto
Ciro Muro, a Taranto dal 1991 al 1993, era il suo "pupillo"
0 [post-views]view 3 mins
Corriere di Taranto
I limiti mentali dei rossoblù hanno esaltato l'epica impresa dell'Ortona
GoodNews_logo
0 [post-views]view 11 mins
Corriere di Taranto
Impegno, fatica, vittorie. Jannik Sinner e Benedetta “Benny” Pilato sono entrambi nati per vincere, per eccellere

Trentaquattro anni in due. Negli sport che praticano, il tennis e il nuoto, hanno battuto record su record. Uno è nato a Bolzano, praticamente sulla neve e ha diciannove anni, l’altra è nata a Taranto, a quattro passi dal mare e ha quindici anni. Jannik Sinner e Benedetta “Benny” Pilato sono entrambi nati per vincere, per eccellere.

Eppure, i loro genitori, ci avevano provato a fargli fare altro. Prima di indossare gli occhialini da nuotatrice, infatti, Benedetta era stata indirizzata verso la danza classica. Un’avventura durata due lezioni. E aveva partecipato ad una partita di pallamano “per fare numero”, al Trofeo delle Regioni, con scarsi risultati, “quasi facevo la boa, ero negata, sapevo solo nuotare”. Già.

Perché “in vasca” è tutto un altro discorso. Il 1º dicembre 2018, a soli tredici anni, conquista con un tempo di 30″32 la medaglia d’argento sui 50 rana ai campionati italiani open di Riccione in vasca corta. E’ l’inizio, quasi casuale. “I miei genitori non volevano che facessi attività agonistica – racconterà dopo in un’intervista – D’Onghia (Vito, il suo allenatore) chiese a mamma una…

fuoridalcoro_postit2

L’Onu celebra la giornata contro la violenza sulle donne. Ma cosa c’è da celebrare? È ricomparso sul piccolo schermo il Ministro Bonafede, che ha scoperto che durante il lockdown sono aumentati questi reati. Così il Guardasigilli ha invitato la Magistratura ad applicare rigidamente la legge per questi reati. Perché l’applicazione del codice è un optional? Abbiamo colorato di rosso o di arancione piazze, vetrine, e luoghi simbolo. Serve? È un problema di cultura. È un problema di educazione. È inquietante considerare che per covid abbiamo atteso e trovato il vaccino. Contro le violenze sulle donne è inutile attendere. Per l’umana imbecillità purtroppo non c’è antidoto.

monty

La Redazione

Marcello Di Noi

Francesco Riondino

Maddalena Orlando

Giovanni Saracino

Gianmario Leone

Alessandro Greco

Franco Guarino

Angelo Diofano