Smartphone: angelo e demone

 

Assistiamo all’assenza, alla mancanza nelle relazioni poiché è più facile fare amicizia online che dal vivo, e anche quando si è insieme, ognuno è nel suo mondo con il proprio telefono
pubblicato il 12 Novembre 2021, 13:37
4 mins

La dipendenza da videogiochi è oggetto di studio da oltre 20 anni, da quando i videogames sono esplosi, diventando il fenomeno di massa che è oggi e con il quale abbiamo imparato a fare i conti.

Ogni giorno vengono spese più di 4 ore al giorno sullo schermo e questa realtà è scaturita, amplificata e per certi versi, degenerata, purtroppo, in seguito alla pandemia

Secondo la classe, l’isolamento e le restrizioni causate dal Covid hanno portato ad un aumento del tempo trascorso sui social, e al tempo stesso ad un isolamento condizionato, forzato, autoimposto proprio perché è stato “l’unico” mezzo di comunicazione col mondo esterno e, di conseguenza, l’uso dei dispositivi mobili è aumentato soprattutto tra i ragazzi.

Tutto questo ha creato anche una sorta di dipendenza dai videogiochi ed una conseguente sottrazione di tempo ad altre attività: sport, lettura, gioco, relazioni sociali, studio.

Nel corso di questi venti anni centinaia di studi si sono concentrati su quello che sembra essere uno degli aspetti più controversi per i videogiocatori. Nonostante ciò, non è ancora chiaro se questa situazione possa essere descritta come una patologia a se stante o se necessiti di trattamenti differenziati rispetto ad altre dipendenze.

L’uso precoce dello smartphone e dei social, abbiamo appreso consultando molti articoli, è un fenomeno che si manifesta già tra i 10 e gli 11 anni. E non sarà un caso che le situazioni di cyberbullismo aumentano mentre diminuisce la scarsa propensione alla lettura e allo sport. Un ragazzo su quattro, poi, non fa alcuna attività sportiva.

E a questo si aggiunge una emergenza sonno: gli adolescenti vanno a letto tardi, dormono poco, e restano “connessi” anche di notte. Una situazione ben descritta nell’indagine “Adolescenti e Stili di Vita”.

La tecnologia, emerge, ha di fatto creato una realtà condivisa contemporanea, che fa leva sulla componente infantile della mente, e che condiziona la vita, la spia, la rivela, la controlla.

Come abbiamo potuto rilevare all’interno della nostra classe la maggior parte dei ragazzi tende a non leggere più di sei libri all’anno, mentre per quello che riguarda lo sport sono sempre più presenti casi dove i ragazzi rinunciano alle attività fisiche, pur di rimanere sempre connessi con i videogiochi e smartphone.

Elisa – tornando in 3 F – sostiene che in app come Instagram e Tik Tok molti degli utenti cercano modi per mettersi in mostra pubblicando frequentemente foto e video creando(si) una vera e propria dipendenza.

Nel caso di Francesco, 12 anni, l’uso dello smartphone e la visione dei video su Tik Tok è pressoché ininterrotto e lo accompagna fino al momento della buonanotte.

Assistiamo all’assenza, alla mancanza delle relazioni, poiché è più facile fare amicizia online che dal vivo, e anche quando si è insieme, ognuno è nel suo mondo con il proprio telefono.

Cosa si può fare? Offrire buoni esempi. Queste azioni iniziano prima di tutto a casa, già da quando i figli sono bambini. E la soluzione forse risiede proprio nei genitori che dovrebbero conoscere meglio il mondo virtuale nel quale ci hanno accompagnato, dimenticando, forse, di venirci a riprendere.

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

7 Commenti a: Smartphone: angelo e demone

  1. Gianni Sperti

    Novembre 12th, 2021

    Testo attuale è perfetto senza sbagliare un segno di punteggiatura complimenti a questi ragazzi verranno ripagati per il loro impegno.Sè continueranno cosí questi giovani saranno meravigliosi.Alunni dalle ottime qualità
    Che hanno svolto il loro compito in maniera egregia è perfetta sí meritano i miei complimenti godono della mia piú ampia stima e considerazione gli propongo per una nota di compiacimento

    Rispondi
  2. Fabio Rovazzi

    Novembre 12th, 2021

    Bel lavoro per essere stato realizzato da dei ragazzi.Complimenti

    Rispondi
  3. Pantag

    Novembre 12th, 2021

    Bellissimo articolo complimenti specialmente pantag

    Rispondi
  4. Angelo Facchinetti

    Novembre 12th, 2021

    Per essere stato scritto da ragazzini è davvero ben curato, la punteggiatura è ottima e il sommario è stato particolarmente toccante. Lo apprezzo molto

    Rispondi
  5. Lucia

    Novembre 12th, 2021

    Elisa 3 F

    Rispondi
  6. Anna Maria

    Novembre 12th, 2021

    Bravi ragazzi! Articolo perfetto, complimenti!❤

    Rispondi
  7. Manuela

    Novembre 13th, 2021

    Un articolo scritto molto bene e curato nella punteggiatura, nella ricerca delle fonti e nei pensieri personali. È sorprendente che sia stato realizzato da ragazzi molto giovani. Complimenti!

    Rispondi

Commenta

  • (non verrà pubblicata)