Prisma Gioiella Ta sbanca Ravenna

 

Primo successo stagionale in SuperLega (3-0)
pubblicato il 16 Ottobre 2021, 21:10
6 mins

La Gioiella Prisma Taranto si porta via i primi tre punti della stagione dal palasport di Ravenna grazie ad una prestazione di buonissimo livello in ricezione, muro e cambio palla. La regia ispirata di Falaschi, che ha saputo variare molto bene il gioco (pipe e primi tempi sontuosi con percentuali altissime), la ricezione pulita del baby Laurenzano (che sorpresa la sua calma e la sua personalità a nemmeno diciotto anni!), la verve sottorete nei momenti caldi di Randazzo (top scorer con 14 punti), Joao Rafael (suoi il primo e l’ultimo punto del match) e Sabbi (subentrato a Stefani a gara in corso) hanno caratterizzato un match che ha vissuto momenti di grande tensione agonistica sottorete per via anche dei tanti video-check chiamati (5 su 6 a favore di Taranto). . La multinazionale Ravenna (coach Zanini nei time-out impartisce disposizioni in inglese) non regge dal punto di vista mentale e cede uno scontro-diretto per la salvezza che avrà il suo peso nell’arco del campionato.

PRIMO SET

Coach Di Pinto ripropone la squadra che aveva terminato in crescendo la gara con Vibo premiando la freschezza dei giovani Stefani e Laurenzano al posto di Sabbi e Pochini.

Sin dalle prime battute del match si percepisce che la squadra rossoblù è scesa in campo molto concentrata. L’ace iniziale del brasiliano Joao Rafael è di buon auspicio rispetto alla prestazione da dimenticare, in questo fondamentale, di domenica scorsa. La partita viaggia sui binari dell’equilibrio (4-4,10-10) con Ravenna che trova nell’opposto Klapwilk un terminale affidabile, almeno inizialmente.  Il primo break importante, Taranto lo trova sul punteggio di 12-13 chiedendo un video-check per un tocco a muro su attacco di Stefani (12-14) e trovando nell’azione successiva un muro vincente con Falaschi su Liaftov (12-15), dopo uno scambio lunghissimi. Lo schiacciatore macedone verrà sostituito poco dopo dal collega di ruolo Urlich, di nazionalità svizzera.  Un altro video-check premia Taranto grazie all’attacco out di Klapwilk (13-17). Il successivo muro di Stefani sul croato Vukasimovic mette definitivamente la museruola a Ravenna (13-18) che non riesce a raccapezzarsi più mentre la Gioiella Prisma gioca sul velluto  e si porta a casa il set.

SECONDO SET

Risulterà il parziale decisivo, giocato molto sul filo dei nervi e combattuto a suon di cambi, time-out e video-check da entrambe le panchine. Si gioca punto a punto sino al 21-21. In precedenza da segnalare l’ingresso di Sabbi sul 9-9 al posto di Stefani. L’opposto laziale ci impiega qualche azione prima di carburare ma poi risulterà decisivo.  Inoltre sul 20-19 da menzionare un cartellino verde a Vukasimovic che si fa carico di un tocco a muro su attacco proprio di Sabbi evitando così il video-check già prenotato da Taranto. Sempre l’opposto rossoblù protagonista del 21-22 allorquando capitalizza un’incredibile difesa da fondo campo di Joao Rafael e successiva alzata da manuale di Falaschi. Dalla panchina di Ravenna protestano perché secondo loro la palla non è stata toccata a muro. Arriva un giallo per coach Zanini che per calmare gli animi chiama time-out. Al ritorno in campo c’è un muro di Alletti su Vukasmovic (21-23).  Ravenna non molla e resta attaccata al match (22-23) ma un banale errore al servizio di Liaftov regala il set point a Taranto, sfruttato a mestiere da Sabbi (22-25).

TERZO SET

Ravenna prova a giocarsela. Testa a testa sino al 10-10 e poi break di tre punti di Taranto (10-13) grazie ad un attacco da seconda linea di Sabbi, un attacco sontuoso in pipe di Randazzo e ad un errore in attacco di Urlich. Break di tre punti che si annulla quasi totalmente sul 15-16. Time out di coach Di Pinto ed errore sanguinoso in battuta di Candeli per Ravenna che spezza la rimonta (15-17) .Ancora nervosismo sottorete per un video-check che premia di nuovo Taranto (15-18, con le immagini che ravvisano tocco a muro su attacco di Randazzo). Taranto ha in pugno la partita, il suo gioco è fluido e tutti danno un apporto importante alla squadra. Da applausi a scena aperta il punto del 16-20 arrivato dopo una ricezione salvifica di Joao Rafael, su bordata dai nove metri di Dimitrov, palla che arriva a Falaschi, il quale palleggia quasi  a fil di rete per Randazzo pronto a capitalizzare il tutto. Punti del genere aumentano ancora di più l’autostima di chi li realizza e lasciano nella buca chi li subisce. Il match lo chiude sul 19-25 il brasiliano Joao. Per la Gioiella Prisma Taranto è la prima importantissima vittoria stagionale in Superlega.

credit foto .zani per legavolley.it

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)