Acciaierie d’Italia, USB: “Esclusi da incontro su green pass”

 

L'Usb di Taranto denuncia il mancato invito all'incontro di ieri tra azienda e Fim, Fiom e Uilm sul green pass
pubblicato il 06 Ottobre 2021, 18:37
33 secs

Incontro tra l’azienda, nelle persone del direttore delle Risorse Umane, Arturo Ferrucci e del responsabile delle Relazioni Industriali, Golini, e Fim, Fiom e Uilm, sulla gestione dell’accesso in fabbrica di coloro che non hanno il green pass, incontro al quale USB Taranto, pur essendo rappresentativa di una parte    di lavoratori, non è stata invitata.

“Un atteggiamento che riteniamo essere decisamente discriminatorio nei confronti della nostra organizzazione sindacale e non rispettoso della scelta fatta da tutti i dipendenti iscritti all’Unione Sindacale di Base. Ancora una volta l’azienda mostra chiaramente qual è il modello sindacale preferito (non certamente quello rappresentato da USB), e porta avanti pratiche illegali, che dimostrano una mediocre capacità di rapportarsi nelle relazioni industriali, da parte dei rappresentanti dell’azienda che si dovrebbero occupare proprio del mantenimento degli equilibri. Vergognoso anche l’atteggiamento assunto da Fim, Fiom e Uilm che sono ormai simbolo di un sindacato che aspetta immobile, quando addirittura non si gira dall’altra parte di fronte ad un licenziamento ingiusto o ad altri comportamenti di chi calpesta letteralmente i diritti dei lavoratori” denunciano e commentano dal Coordinamento provinciale USB Taranto.

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)