Tavolo mitilicoltura in Prefettura, USB: “Incontro interlocutorio”

 

"Bisogna dare corso alle bonifiche in Mar Piccolo e speranze ai lavoratori del comparto"
pubblicato il 06 Ottobre 2021, 17:12
3 mins

Si è svolto questa mattina il tavolo coordinato dalla Prefettura di Taranto sul tema delle bonifiche del Mar Piccolo ed il rilancio della mitilicoltura.
La partecipazione ed il contributo del sindacato USB Taranto al tavolo si è articolato lungo due linee, come scrive la sigla in un comunicato: la tutela del mitilicoltore dal momento che, dal big bang diossina del 2011, il settore maricoltura è stato decimato per le note questioni ambientali, e l’apporto tecnico-documentale, nonché memoria storica dell’annosa questione, affidata a Luciano Manna, già invitato in passato ai lavori dei tavoli dell’Osservatorio Galene istituito dal precedente Commissario, la dottoressa Vera Corbelli. Entrambe le direttrici convergono sull’obiettivo rappresentato dall’attuazione delle bonifiche al fine di assicurare continuità produttiva in entrambi i seni del Mar Piccolo.
“Auspichiamo, così come abbiamo ribadito oggi al tavolo svolto in video conferenza, che il Prefetto Demetrio Martino possa portare avanti i lavori ereditati dalla precedente gestione al fine di dare continuità a ciò che sino ad oggi è stato posto in essere in ambito progettuale; ciò anche alla luce del fatto che, come rappresentante del Governo sul territorio, è l’unico soggetto che può facilitare i rapporti tra attori locali da una parte e Ministeri e Contratto Istituzionale di Sviluppo dall’altra”, ha insistito il sindacato.
La fotografia scattata oggi, che ha come fonte Asl, Arpa e precedente Commissario per le Bonifiche, però, “ci consegna un quadro complicato: continua a persistere la presenza nociva di inquinanti di natura antropica industriale nelle acque, nei sedimenti e negli alimenti che provengono, appunto, dal mare, in particolare dal delicato ecosistema dei due seni del Mar Piccolo. Pertanto, così come puntualizzato dal Prefetto Martino, attendiamo i lavori del prossimo tavolo che sarà convocato dal Comune di Taranto per dare, una volta per tutte, speranza ai lavoratori del comparto ittico, ed un futuro certo alle loro famiglie; inoltre per assicurare ad una intera cittadinanza giustizia sociale ed ambientale con l’attuazione delle bonifiche delle aree inquinate”.
“Consideriamo l’incontro di oggi un appello a cui devono seguire i lavori da parte di tutti gli attori istituzionali, di categoria e sindacale – conclude la sigla -. USB Taranto c’era e continua ad esserci, ed è lieta di condividere questo percorso anche con le altre organizzazioni sindacali che oggi per la prima volta contribuiscono ai lavori di questo tavolo, con l’obiettivo della crescita di una comunità intera anche tramite la tutela del lavoro”.

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)