Italia-Serbia secondo Di Pinto

 

ll coach della Prisma Volley sulla semifinale degli Europei
pubblicato il 17 Settembre 2021, 19:05
2 mins

Italia-Serbia, semifinale dei Campionati Europei di volley, rappresenta per l’head coach della Prisma Taranto, Vincenzo Di Pinto, una sfida tra due personaggi che conosce bene e che guidano le rispettive nazionali, ossia l’amico conterraneo Fefè De Giorgi ed il suo ex pupillo Boban Kovac.

“Mi aspetto una partita equilibrata. E’ un momento spartiacque per l’Italia perché comincia ad avere un po’ di pressione in più dato che il raggiungimento della finale ora è diventato un obiettivo vero e proprio ” – dichiara il tecnico pugliese – “ Sono felice che la nostra Nazionale sia tornata già ad altissimo livello dopo la delusione delle Olimpiadi. Non era facile né scontato. Merito di Fefè che ha avuto da subito le idee chiare. Ha creato immediatamente un giusto spirito di squadra. I ragazzi lo seguono, hanno fiducia in lui ed in campo si nota questa coesione. Credo che tutti abbiano recepito le parole del presidente federale Manfredi quando ha detto che d’ora in poi, come filosofia, chi indossa la maglia azzurra lo deve fare sempre con l’idea della vittoria in testa. Auguro all’Italia tanta buona fortuna ed a Fefè De Giorgi in particolare il nostro solito buon neutro. Lui sa…”.

La Serbia? “Una squadra molto forte che ha preso il temperamento di Boban, il suo coach che conosco bene per averlo avuto come giocatore a Gioia del Colle, Macerata e Taranto.  E’ campione d’Europa in carica ed è  una delle squadre più forti al mondo. Non si è qualificata per le Olimpiadi e non ha disputato una buona VNL. Quindi è in cerca di riscatto e sta preparando da tempo questa competizione. Non vogliono sbagliare, è il loro grande obiettivo del 2021”.

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)