El Grito: il circo al TaTÀ

 

pubblicato il 14 Settembre 2021, 19:17
4 mins

Da giovedì 16 a domenica 19 settembre allo chapiteau El Grito, montato nello spazio aperto del TaTÀ, in scena “Liminal” di e con Fabiana Ruiz Diaz, con la collaborazione artistica di Raffaella Giordano, nelle vesti dell’uomo nero Gennaro Lauro, al pianoforte Lorenzo Marchesini, produzione Circo El Grito, coproduzione Spazio Agreste.

L’evento è il primo appuntamento del cartellone “tout public” realizzato dal Crest nell’ambito del progetto regionale “Custodiamo la cultura in Puglia 2021”. In collaborazione con Provincia e Comune di Taranto. Sipario ore 21, domenica ore 19. Biglietto 12 euro, ridotto 8 euro. Prenotazione obbligatoria del posto al numero 366.3473430 in orario d’ufficio. Per accedere allo spettacolo è necessario il green pass, non richiesto ai minori di 12 anni.

Si parte dalla realtà per arrivare al sogno o è dal sogno che si raggiunge la realtà? In tutti e due i casi esiste un confine temporale dove non c’è distinzione tra le due dimensioni questo spazio è chiamato “liminale”, da qui il nome dello spettacolo. Questa frontiera, pur essendo sottile, riserva molteplici sorprese che portano l’interprete dello spettacolo a met­tersi in gioco, riuscendo così a descrivere una realtà obliqua in modo da renderla un sogno e viceversa.

«All’interno di un circo dimenticato e sospeso tra le nuvole, una donna convive con i suoi ricordi. Gestisce la sua quotidianità attraversando il confine tra la veglia e il sogno. In questo mondo di mezzo, gli oggetti comuni che la circondano cominciano a prendere vita, complicità e gioco le permettono di evadere dalla sua condizione di fissità. Vecchio e nuovo si amalgamano. Ad accompagnare la protagonista in scena c’è un uomo che indossa una tuta nera che lo ricopre integralmente dalla testa ai piedi. Rimarcando la sua immaterialità negli eventi rappresentati, lui diventa invisibile, eppure alla fine del percorso narrativo avrà stabilito un rapporto con la donna che anela. Lo sviluppo della loro relazione è fondamentale ai fini drammaturgici perché permette allo spettatore di rispecchiarsi in alcuni lati caratteriali dei personaggi. Inizia così un viaggio dove la protagonista passa dal cavalcare un letto volante a surfare un mucchio di foglie mosse dal vento, dal convincere il cuscino ad addormentarsi con lei a svelare i simboli di un dipinto animato, dal perdersi nella luce a ritrovare la propria ombra…», dalle note di produzione.

Circo El Grito è circo contemporaneo ma anche antico, perché fa tesoro di secoli di arte circense. Nasce a Bruxelles nel 2007 dall’incontro tra l’acrobata area uruguaiana Fabiana Ruiz Diaz e l’artista multidisciplinare italiano Giacomo Costantini. Rappresenta un grande motore per la sperimentazione che, codificata sull’irrefrenabile curiosità del circo contemporaneo, spazia negli ambiti della danza, del teatro, della musica e della letteratura, puntando ad elaborare un linguaggio di qualità attraverso spettacoli trasversali. Diffonde le proprie produzioni collaborando con le più prestigiose istituzioni culturali europee. Considerati dalla stampa i pionieri del circo contemporaneo in Italia, Ruiz Diaz e Costantini hanno vinto il premio “Walter Nones all’innovazione” dell’Associazione Generale Italiana dello Spettacolo ed Ente Nazionale Circhi 2019. La sede operativa del Circo El Grito è Spazio Agreste, nelle campagne di Recanati: un casolare agricolo dei primi del ‘900, pian piano recuperato e, nel 2018, aperto ad altre realtà artistiche professionali di varie discipline.

Foto:  Marco Gentili

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)