Aeroporto Grottaglie, ecco il Mediterranean Aerospace Matching

 

Dal 22 al 24 settembre prima edizione nazionale del Mediterranean Aerospace Matching. Mercoledì 15 settembre alle 11 conferenza stampa in presenza e in streaming
pubblicato il 13 Settembre 2021, 18:40
48 secs

Al via all’aeroporto di Grottaglie, dal 22 al 24 settembre 2021, il Mediterranean Aerospace Matching (Mam), tre giorni di tavole rotonde, incontri b2b e dimostrazioni di volo, con le maggiori multinazionali al mondo nel settore dell’aerospazio, alte cariche istituzionali, mondo accademico, startup e Pmi innovative nel campo aerospaziale.

La manifestazione sarà illustrata in presenza alla stampa mercoledì 15 settembre alle ore 11,00 a Bari nel padiglione istituzionale della Regione Puglia alla Fiera del Levante (Sala Agorà) dal presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e dall’assessore allo Sviluppo economico Alessandro Delli Noci.

Interverranno il presidente del Distretto Tecnologico Aerospaziale (DTA) Giuseppe Acierno, il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi) Giorgio Saccoccia (in collegamento), il vice presidente di Aeroporti di Puglia Antonio Maria Vasile, il direttore Regolazione Navigabilità Enac (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) Carmela Tripaldi.

Il Mam è un’iniziativa promossa a favore del rilancio e dello sviluppo sostenibile dell’area di Taranto, da Ministero dello Sviluppo Economico, Ice-Agenzia e Regione Puglia, in collaborazione con Enac (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile), Asi (Agenzia Spaziale Italiana), Distretto Tecnologico Aerospaziale (Dta), Aeroporti di Puglia, Arti Puglia (Agenzia Regionale per la Tecnologia e l’Innovazione) e Puglia Sviluppo, con la partnership di Leonardo e di Intesa Sanpaolo.

La conferenza stampa potrà essere seguita in streaming sulla pagina Facebook della Regione Puglia.

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

2 Commenti a: Aeroporto Grottaglie, ecco il Mediterranean Aerospace Matching

  1. Fra

    Settembre 13th, 2021

    Vogliamo volare Emiliano finiscila di fare lo stronzio non sei per niente divertente ,che tu sia maledetto a vita .

    Rispondi
  2. roberto

    Settembre 14th, 2021

    è un evento legato a un progetto calato dall’alto (studiato a tavolino da politici) che non asseconda le esigenze del territorio. La provincia di Taranto è fortemente penalizzata nei collegamenti con il resto d’Italia sia in termini di treni, che di sistema viario e ignora completamente l’uso di un areoporto per voli civiili come avveniva negli anni 70-80. Si parla molto di risorsa turismo, ma come si può attrarre un turista senza un collegamento comodo e veloce con la zona?
    L’ago della bilancia pende molto su Brindisi, per cui si afferma (magari anche con ragione) che l’aeroporto di brindisi non è molto lontano da Taranto. Vero, ma non c’è un collegamento veloce, frequente e capillare nella provincia verso questo aereoporto.
    Il distretto aerospaziale (DTA) che conta su un test bed a Grottaglie e poco altro non ha nemmeno sede nella stessa Grottaglie ma a Brindisi. Mi chiedo ma questa è persecuzione nei confronti della provincia di Taranto? Quali sono le iniziative concrete per sollevare le sorti di un territorio trascurato?
    Sarebbe bello vedere una cosa dico almeno una grande cosa importante … come segnale di valorizzazione del territorio, e invece ci ritroviamo con evento che solleva un po di fumo e nien’altro.
    Sono stati investiti anche molti soldi sull’aereporto, mi chiedo quale sia il ritorno economico di questi investimenti. Una pista lunga tra le più lunghe del sud europa usata esclusivamente per una industria (Leonardo) e per far volare dei droni. Il confronto tra soldi spesi e utilizzo della risora aereporto mi sembra sproporzionato
    Dove sono i rapprensentanti politici locali? cosa rapprensentano? il volere della Regione e di Roma?

    Rispondi

Commenta

  • (non verrà pubblicata)