Ciclo rifiuti, Amati: “Penultimi in Italia: servono impianti”

 

Lo dichiara Fabiano Amati, presidente della Commissione Bilancio della Regione Puglia: "No a perdite tempo dietro i no politicanti"
pubblicato il 07 Settembre 2021, 17:17
2 mins

“Chi non ha gli impianti di trattamento dei rifiuti ha l’ambiente più lordo e paga una tassa rifiuti più salata. Siamo infatti al secondo posto, peggio di noi la Sicilia, nella classifica nazionale delle quantità di rifiuti conferite in discarica (47,5%). E il motivo di tutto questo è il credito che la maggior parte della classe politica attribuisce alle proteste politicanti di chi dice no a tutto. Quando capiremo che i rifiuti sono una ricchezza solo se associati agli impianti e che senza impianti si vanificano anche le pratiche virtuose della raccolta differenziata?”. Lo dichiara Fabiano Amati, presidente della Commissione Bilancio della Regione Puglia, commentando uno studio presentato al Forum di Cernobbio.

“Non sono gli impianti di trattamento dei rifiuti che inquinano l’aria ma le discariche. Non è solo la cattiva gestione del servizio che alimenta le tasse ma le proteste contro l’innovazione. Lo studio presentato a Cernobbio dimostra che dove ci sono meno impianti la tassa sui rifiuti è più salata. Ovvio, sui costi pesa enormemente il trasporto verso gli impianti extraregione. E c’è un altro dato da considerare: secondo quanto dichiarato da Assoambiente sulla base dei dati Ispra ogni anno spariscono nel nulla oltre due milioni di tonnellate di spazzatura. Dove vanno? Li gestisce la criminalità e lucra su ciò che dovrebbe essere un risparmio per le tasche dei cittadini. Eppure c’è chi continua a dire no alla realizzazione degli impianti e chi, tra gli amministratori pubblici, strizza l’occhio invece di assumersi responsabilità. Del resto, nel Pnrr è scritto a chiare lettere: l’assenza di una rete integrata di impianti di raccolta e trattamento rifiuti è attribuibile all’insufficiente capacità di pianificazione delle regioni e in generale alla debolezza della governance. Per il pacchetto di misure legate all’economia circolare sono stati destinati all’Italia, e in particolar modo al Sud, più di cinque miliardi di euro. E’ tanto indispensabile quanto urgente realizzare gli impianti. Non si può essere inquinatori mascherati da ambientalisti” conclude Fabiano Amati, presidente della Commissione Bilancio della Regione Puglia, commentando uno studio presentato al Forum di Cernobbio.

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Un Commento a: Ciclo rifiuti, Amati: “Penultimi in Italia: servono impianti”

  1. Fra

    Settembre 7th, 2021

    Ecco un altro scienziato pazzo che non sa neanche ciò che dice ,comunque noi non prendiamo soldi come questo tizio ,inoltre i rifiuti a Taranto sono per strada ,quindi in ogni angolo abbiamo discariche e a quanto pare non danno fastidio a nessuno ,intanto paghiamo un caro prezzo per tutte queste discariche a cielo aperto ,vogliono persino aumentarci la tari . Fate veramente ridere ,pensate a ripulirci le strade piuttosto e se la gente è incivile fateli capire con le maniere forti che stanno sbagliando ,Taranto non è una città civilizzata purtroppo ci troviamo distaccati da ogni tipo di discorso ,inoltre qui per decenni avete fatto ciò che volevate a discapito della nostra salute ,non dovete chiederci mica il permesso per creare altro schifo oltre quelli che abbiamo , spero che oltre la monnezza incominciate a parlare di infrastrutture per Taranto e per tutto il sud che vive ai tempi del far western ,vergogna politici pagati profumatamente per riempirci di clandestini ,monnezza e inquinamento e non darci più altro ,che schifo !!!

    Rispondi

Commenta

  • (non verrà pubblicata)