Mariella Nava: la ‘cavaliere’ alla Baia del Pescatore

 

pubblicato il 07 Settembre 2021, 21:15
8 mins

Sarà bene che torni la nostra ‘cavaliere’, la cantautrice che, come gli scrittori delle nostre parti, meno vip (per modo di dire), ma autentici cavalli di razza, lasciano il segno, con la loro penna, la loro voce, le loro note, la loro firma. Per cui la aspettiamo Mariella Nava. La data è vicina, il 13 settembre, alla Baia del Pescatore. Mica male come posto per raccontarsi. Che certe volte questi posti così modaioli hanno quella intimità identitaria. Il nome la dice tutta. Ma anche il nome di questa artista, delicata, ma non leziosa e soprattutto non scontata.

Non sono pochi i 35 anni di carriera ei tanti riconoscimenti ricevuti e, di particolare rilievo, .l’onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana conferitele per i contenuti dei suoi testi sempre attenti ai temi sociali, molte partecipazioni a Sanremo, con un secondo posto da autrice (‘Spalle al muro’ scritta con Renato Zero nel ’91), un terzo posto come cantautrice nel ’99 con il brano ‘Così è la vita’, premiato anche dalla critica come migliore composizione musicale di quell’edizione.

A pochi mesi dalla pubblicazione del suo prossimo album di inediti e durante la collaborazione con Grazie De Michele e Rossana Casale, per un progetto a tre denominato ‘Cantautrici’, offre, nel suo recital con cui è in tour questa estate, di ripercorrere con lei e i suoi racconti le tappe salienti del suo percorso artistico partito nel 1985 da ‘Questi figli’, canzone inviata a Gianni Morandi che ne sancì la sua nascita autorale e il suo primo contratto con la storica ‘RCA’.
Da allora la Nava ha infilato, una dopo l’altra le perle nel filo delle belle canzoni italiane, quelle che molti interpreti le hanno chiesto via via negli anni con il prestigio e la caratterizzazione della sua penna.

Raffinata nelle parole e ricercata nelle armonie, ogni sua canzone non è mai passata inosservata a chi vuole trovare nella musica il piacere dell’emozione

Mariella Nava (all’anagrafe Nava Maria Giuliana) tarantina, inizia a studiare pianoforte fin da bambina e prosegue gli studi di composizione tra Taranto e Roma.
Inizia da ragazza e per gioco a scrivere le sue prime canzoni, un misto di pensieri, riflessioni come quelle che prima si annotavano nei propri diari e oggi, spesso, si postano sulle pagine dei Social.

Sono i suoi amici più cari ad accorgersi del suo talento e a consigliarle di fare ascoltare le sue prime composizioni, ma la vera svolta arriva quando lei stessa invia una sua canzone all’attenzione di Gianni Morandi che ne resta particolarmente colpito per la sensibilità con cui ha affrontato l’argomento del rapporto genitori figli.
il suo debutto artistico avvenuto con il suo primo festival di Sanremo nel 1987, con il brano “Fai piano”, così arriva nell’ ‘88 il primo riconoscimento al Club Tenco come “Miglior Opera prima” per il suo primo album “Per paura o per amore”. Sono questi gli anni in cui cresce la stima soprattutto autorale nei suoi confronti da parte di pubblico, critica e ambiente musicale.

Via via sono tante le collaborazioni illustri e tante canzoni scritte per molti grandi nomi.
Tra questi sicuramente spiccano: “Come mi vuoi” scritta per Eduardo De Crescenzo nel Sanremo del 1989 e ricantata poi da Mina, “Spalle al muro” (ricordata come “Vecchio“) scritta per Renato Zero, per il Sanremo ’91, “Per amore” scritta per Andrea Bocelli, ma resa celebre in tutto il mondo da un’infinità di interpreti e in particolare da Zizi Possi in Brasile.

Riceve nel 1991 il premio Lunezia per il valore letterario dei suoi versi in musica.

E ancora, di particolare interesse, sono il duetto con Pino Mango in “Il mio punto di vista”, con Dionne Warwick in “It’s forever”, in “Futuro come te” con Amedeo Minghi, nel Sanremo del 2000 e la canzone scritta per Lucio Dalla “Notte americana”
 e alcuni temi musicali composti per spot pubblicitari come Orogel, Zucchi, Stufe Nordica, Olio Monini, Fileni Bio e ancora molte canzoni scritte per cause sociali importanti come “Eppure vivono”, “Piano inclinato”, “Dentro una rosa”, “Fade out”, “Gli ultimi”, “Fisionomia”, “Un minuto di silenzio”, “In nome di ogni donna” (quest’ultima contro la violenza sulle donne) e ancora “Stasera torno prima” donata all’Anmil e diventata colonna sonora della campagna sul tema della Sicurezza sul lavoro.

Ancora ricordiamo molte partecipazioni al Festival di Sanremo con buoni risultati come “Il cuore mio” del 2002 (premio Lilt per la Vita), “Terra mia” del ’94 (Premio Volare) e, soprattutto nel ’99, terza classificata e premio della critica come miglior musica con “Così è la vita“.

Sempre attenta ai temi culturali e sociali del nostro Paese, segue, affianca ed è da sempre vicina e partecipe a molti eventi importanti a titolo di solidarietà.

Nel 2013 fonda “Suoni dall’Italia” un Laboratorio / Etichetta indipendente per dedicarsi, circondandosi da validi collaboratori di esperienza, a quella musica che oggi non trova molti “spazi” e soprattutto ai giovani che meritano attenzione.

Molto vicina ai concorsi nazionali che mettono in luce il talento dei giovani come Musicultura e il premio di Aversa per sole cantautrici intitolato a Bianca d’Aponte.

Ha pubblicato una compilation dal titolo “Sanremo si Sanremo no” in cui ha raccolto tutti i momenti salienti della sua carriera dagli inizi fino ad oggi.

A quattro anni dal suo ultimo disco “Tempo mosso” esce “Epoca”, nel febbraio 2017.
Il nuovo album di inediti annunciato dalle anteprime “Prima di noi due” e “Il nostro correre” nei giorni precedenti al Natale.

“Epoca” festeggia il trentennio di carriera iniziata da quel suo primo festival di Sanremo del 1987 proprio nei giorni di uscita. Un album che vuole collegare tradizione e futuro della nostra canzone e in cui Mariella scrive, interpreta, suona, arrangia, circondandosi dei suoi più affezionati musicisti.

Il singolo “Povero Dio” esce a maggio 2020 in previsione di un album, a distanza di 3 anni da Epoca. Il brano sembra che voglia parlare solo di Dio, di qualsiasi Dio, ma in realtà parla di noi, di tutti noi, di quello che siamo diventati.

In attesa di riprendere il tour Cantautrici, insieme a Grazia Di Michele e Rossana Casale, ha composto la musica della nuova campagna pubblicitaria di Tonno Mare Aperto, che parla di sostenibilità, impegno e responsabilità, firmata da Lorenzo Marini Group.

Condividi:
Share
Laureata in Lettere Moderne. Giornalista. Ha partecipato al Corso di Giornalismo dell'Ordine dei Giornalisti di Puglia. 2 figli. Ha lavorato per alcune emittenti televisive locali: Videolevante, Studio 100, Telerama, Jotv, Tele.5 (in qualità di direttore). Ha collaborato con Taranto Sera, Voce del Popolo, Paese Nuovo (allegato de L'Unità), Pigreco, Tarantoggi, Primaveraradio (circuito Popolare Network), Magazine (in qualità di direttore), Edili, Radiocittadella. Ha curato numerosi uffici stampa, tra cui il Comune di Lizzano e l'Associazione Musicale della Magna Grecia, Magna Grecia... il Premio (Provincia di Taranto), Crest, VIALIBERA. Ha condotti programmi televisivi e radiofonici.

Commenta

  • (non verrà pubblicata)