Multato perchè… andava a piedi al cimitero

 

La vicenda è capitata a un sacerdote tarantino, in Basilicata
pubblicato il 05 Settembre 2021, 18:01
59 secs

Multato perchè si recava a piedi al cimitero. La vicenda, alquanto surreale, accaduta nei giorni scorsi, ci è stata narrata da un sacerdote tarantino, don Angelo Pulieri, in vacanza in un piccolo comune della Basilicata. “L’infrazione mi è stata contestata mentre mi stavo recando al sacro luogo per pregare sulla tomba di persone a me care – spiega – La strada che percorrevo, d’altronde, è l‘unica che collega il paese al cimitero, distante appena 800 metri. Quindi, essendo anche una bella giornata, pensavo di non usare l’auto e di fare due passi a piedi. Ma sono stato fermato da una pattuglia di carabinieri che mi ha riferito che quella era una strada provinciale, vietata ai pedoni, anche se, da quanto da me verificato, di scarso transito veicolare. Ho risposto che questa non mi sembrava tale, essendo peraltro piuttosto angusta. Ma non c’è stato nulla da fare: mi hanno multato ugualmente”.

“Il fatto divertente – continua don Angelo – è che nel verbale hanno scritto che facevo del trekking, ignorando la mia giustificazione, cioè un esercizio di pietà. Ho pagato la sanzione che, d’altronde, era di importo contenuto: appena 18 euro, se pagata in breve tempo. Secondo il mio avvocato, non valeva la pena effettuare per vie legali la dovuta contestazione che sarebbe risultata molto più dispendiosa, anche se molto probabilmente sarebbero state riconosciute le mie ragioni. Pazienza, almeno ho avuto qualcosa di singolare da raccontare ai miei parrocchiani al ritorno dal periodo di riposo”.

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)