Consiglio Comunale, approvata convenzione per 12 alloggi ERP

 

Saranno costruiti al quartiere Paolo VI. Ingresso ufficiale in aula per il consigliere Ranieri, sostituto di Mario Cito.
pubblicato il 02 Settembre 2021, 18:51
4 mins

Riunione in prima convocazione, questa mattina, per il Consiglio Comunale di Taranto che, come primo atto di giornata, ratifica l’ingresso in assemblea di Salvatore Ranieri in luogo del dimissionario Mario Cito (ne avevamo parlato qui). Il consigliere, candidato quattro anni fa con AT6, al momento dell’ingresso formale in aula ha dichiarato di essere stato colto di sorpresa da questa surroga e ha annunciato di dichiararsi indipendente (aderendo, dunque, al gruppo misto) e di collocarsi all’opposizione. Un’opposizione «non ostativa ma costruttiva».

Ratificate due delibere di Giunta

Linea d’azione confermata al primo voto in aula, che prevede la ratifica di due variazioni al bilancio di previsione 2021-2023 approvate dalla Giunta comunale nei mesi scorsi (delibere 250 e 259 del 2021). Mentre la maggioranza al gran completo (rientrate le frizioni dei mesi scorsi?) vota compattamente per l’approvazione e le opposizioni altrettanto compattamente votano contro, il nuovo arrivato opta prudentemente per l’astensione in entrambi i casi.

Arca Jonica, procede l’iter per i nuovi alloggi popolari

Punto di maggior rilievo della giornata è senza dubbio l’approvazione dello schema di convenzione con cui il Comune cede per novantanove anni ad Arca Jonica i suoli di via De Gasperi al quartiere Paolo VI per la costruzione di dodici alloggi ERP (Edilizia Residenziale Pubblica). In aula, prima del voto e dietro richieste dei consiglieri, la dirigente al ramo Simona Sasso ripercorre brevemente la storia del lunghissimo iter per la realizzazione di questi alloggi. Originariamente (quando il progetto prese il via nel lontano 2012) questi alloggi si sarebbero dovuti costruire al quartiere Salinella. Con la revisione del progetto sono stati dapprima spostati a Paolo VI (nel 2014) e poi ridotti di numero da sedici a dodici.

L’approvazione dell’aula giunge pressoché all’unanimità, con la sola astensione dei due consiglieri di Fratelli d’Italia De Gennaro e Vietri.

Rinviata per chiarimenti la variante per la Cittadella della Salute

Non approda, invece, ad una conclusione una lunga discussione sul progetto di una Cittadella della Salute che sorga fra via Consiglio e via Torro. Le criticità su cui si arena il dibattito sono essenzialmente due. La prima, portata in aula dal consigliere Vietri (FdI) riguarda il ritiro avvenuto qualche mese fa da parte della direzione competente, senza che il Consiglio si fosse espresso, di una delibera relativa ad una proposta analoga effettuata da un’altra società. La seconda, sollevata dal consigliere De Martino (PD) riguarda lo status della società proponente il nuovo progetto, la quale risulterebbe in liquidazione. Soprattutto quest’ultima questione spinge il Consiglio a votare, su proposta del consigliere Ciraci, il rinvio del punto per approfondimenti. Il tutto nonostante le rassicurazioni del dirigente all’Urbanistica Cosimo Netti, il quale sottolinea come l’atto in discussione oggi non riguardi ancora la convenzione con la società, ma semplicemente un preliminare passaggio urbanistico: la suddivisione di un comparto del PRG in due sub-comparti di dimensioni minori.

Gli altri provvedimenti

Approvata dal Consiglio anche l’acquisizione al demanio di una strada privata, via Bouganville, adibita ad uso pubblico da oltre vent’anni secondo le previsioni di legge.

Riconosciuti inoltre, come di consueto, numerosi debiti fuori bilancio e passività pregresse risalenti al dissesto dell’ente.

 

Clicca qui per vedere lo streaming della seduta.

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)