CNN Travel su Taranto: un tesoro nascosto

 

Il canale web della prestigiosa testata statunitense ha dedicato un articolo alla nostra città, definendola tra i luoghi più belli ma poco conosciuti della nostra regione
pubblicato il 01 Settembre 2021, 08:08
14 mins

Per CNN Travel “Taranto è il tesoro nascosto del Sud”. E’ quanto scrive, in un articolo del prestigioso canale statunitense, Jonathan Hawkins il quale ci tiene a incastonare la nostra città nell’ambito delle meraviglie pugliesi. Il giornalista americano ha ascoltato il sindaco Melucci, il ricercatore e scrittore Nello De Gregorio, l’assessore Ubaldo Occhinegro e il consulente Simone Marchesi.
Ecco l’articolo tradotto, pubblicato ieri (https://edition.cnn.com/travel/article/taranto-italy-tourism/index.html)


Taranto: il tesoro nascosto del Sud Italia

Città dei due mari: situata nel collo dello “stivale” italiano, il patrimonio di Taranto risale agli Spartani, che la fondarono nell’VIII secolo a.C.

di Jonathan Hawkins

La Puglia avvolge il “tacco” della penisola italiana a forma di stivale. Carico di uliveti, circondato da acque limpide e frizzanti e punteggiato di affascinanti città e borghi storici, il suo fascino rustico l’ha resa una meta sempre più popolare per i turisti.
L’elenco delle attrazioni imperdibili della regione comprende i siti Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO di Alberobello e Castel del Monte, il verdeggiante Parco Nazionale del Gargano, le azzurre grotte marine del Salento e pittoresche cittadine come Otranto, Ostuni e Gallipoli.
Assente dalla maggior parte di tali elenchi, tuttavia, è un luogo riccamente storico e significativo.
Nascosta nel collo del piede del tacco pugliese si trova la seconda città più grande della regione, Taranto. Conosciuta come la Città dei Due Mari, o Città dei Due Mari, il suo patrimonio risale addirittura agli Spartani, che la fondarono nell’VIII secolo a.C.
La città è spesso indicata come la capitale dell’antica Magna Grecia e porta con orgoglio la sua eredità greca.
Più recentemente, però, Taranto è stata associata a una cosa sola: le acciaierie Ilva, un tempo le più grandi d’Europa.
Costruita negli anni ’60, la fabbrica ha eruttato fumi nocivi nei cieli della città per decenni prima che i magistrati le chiedessero di ripulire il suo lavoro o chiuderla. Nel maggio di quest’anno gli ex proprietari del famigerato stabilimento, Fabio e Nicola Riva, sono stati condannati a lunghe pene detentive per aver consentito loro di contaminare la città.
Se le sorti della città e della fabbrica sono apparse inestricabilmente intrecciate, ora c’è la sensazione che Taranto non solo abbia l’opportunità di rompere con il suo recente passato, ma che il futuro per questa città trascurata possa essere luminoso.
Rinaldo Melucci è il sindaco di Taranto. L’ufficio del 44enne, nella Città Vecchia, si affaccia sul mare, ma non è lontano dalle acciaierie che hanno definito la Taranto moderna.
“Negli ultimi 50 anni Ilva non solo ha danneggiato la salute delle persone e l’ecosistema, ma ha anche danneggiato la loro mentalità”, dice alla CNN. “Ha soffocato l’educazione, la creatività; la fabbrica ha ricattato Taranto, e ha fatto credere alla città di dipendere dall’Ilva. È diventata un cantiere della fabbrica”.
Melucci, che si è insediato nel 2017, dice che sta cercando di cambiare quella mentalità, per mostrare una visione di Taranto che faccia rivivere l’antica identità della città e introduca un futuro nuovo, orgoglioso e più diversificato.
“Per 2500 anni questa città ha avuto un DNA particolare”, spiega. “Ma negli ultimi 50 anni una nuova identità è stata imposta da una diversa ‘strategia aziendale’. Dobbiamo recuperare e riconquistare ciò che è rimasto di quella storia”.
Taranto ha ora un fondo di ‘guerra’ di 1,5 miliardi di euro (1,77 miliardi di dollari) con cui affrontare questo recupero e la città si sente improvvisamente viva di possibilità.
A giugno ha ospitato la tappa italiana del Sail GP, unendo città come Sydney e San Francisco nel circuito del torneo internazionale, e nel 2026 ospiterà i prestigiosi Giochi del Mediterraneo.
Gran parte del suo lavoro di riqualificazione, compreso un nuovissimo stadio che ospiterà la squadra di calcio della città, è incentrato su tale scadenza.
Melucci ha cercato ispirazione in altre città industriali, in particolare Bilbao in Spagna e Pittsburgh, che si stanno reinventando per un futuro post-industriale. Ma, dice, mentre Bilbao ha usato il museo Guggenheim selvaggiamente sgargiante di Frank Gehry per innescare il suo revival, il futuro di Taranto è più sulla scoperta e sul ripristino di ciò che già esiste.
Uno di questi progetti è il gigantesco Palazzo Archita, un imponente edificio di 20.000 metri quadrati che domina il centro moderno della città. È rimasto solo e vuoto tra le vie dello shopping di Taranto come un colosso minaccioso e decadente per più di un decennio, un simbolo dell’inerzia burocratica che così spesso affligge i grandi progetti in Italia.
Presto, tuttavia, riaprirà con spazi tra cui una nuova galleria d’arte, una biblioteca e strutture educative.
“Quando verrà restaurato cambierà la vita e la luce di un intero quartiere della città”, ritiene Melucci, “perché non è solo un edificio, sarà un luogo iconico di Taranto”.
Il progetto forse più significativo e importante della città è però molto più complesso.
La Città Vecchia, costruita sull’originaria piattaforma dorica dell’antica Taranto, è un mondo a sé. Un’isola letterale, separata dalla città moderna dal caratteristico Ponte Girevole, o “ponte girevole”, la città vecchia fu l’area più profondamente colpita dall’arrivo dell’Ilva.
È una reliquia straordinaria, in rovina. Un labirinto di strade antiche e case abbandonate, con solo una piccola comunità rimasta da quello che un tempo era il vivace fulcro della città.
Nello De Gregorio è ricercatore e storico locale. “Sono solo una persona che ha amato, sin da quando ho mosso i miei primi passi, la città in cui sono cresciuto”, dice alla CNN. “Ho studiato e ristudiato, scoperto e riscoperto questa città, perché anche adesso, dopo 2.500 anni, la sua storia non finisce mai, e molti sono i segreti ancora da svelare”.
De Gregorio, ormai settantenne, ha assistito in prima persona al declino della Città Vecchia.
“Per 30 anni la città vecchia è stata letteralmente, totalmente abbandonata”, spiega. “Finalmente sono stati avviati nuovi progetti, e questi sono molto importanti. Siamo fiduciosi che, entro il prossimo decennio, riusciremo finalmente a cambiare totalmente il volto di questa zona di Taranto, che è anche la più bella, storica, parte antiquata.”
Tra le passioni di De Gregorio ci sono i tanti sotterranei che si snodano sotto la città vecchia.
Aprendo una porta anonima in una delle stradine della città vecchia, conduce la CNN lungo una serie di scale sotterranee oscure, guidate dalla luce delle torce attraverso camere, ipogei e tunnel, che alla fine portano al mare.
“Qui ci sono dai 60 ai 65 ipogei”, dice, “di cui solo la metà sono attualmente accessibili. Quasi tutti hanno origine in epoca greca. Le grotte furono scavate per raccogliere i materiali per costruire gli antichi templi, e poi la città medievale, fino al 1800 d.C. circa.”
I loro usi hanno spaziato dalle cerimonie funebri al contrabbando, spiega.
Le camere sotterranee sono tra i tanti beni nascosti all’interno della città vecchia.
Simone Marchesi, che da quattro anni lavora come consulente architettonico del Comune di Taranto, ne traccia il background.
“La città vecchia è stata abbandonata perché i nuovi lavori portati dall’industria pesante hanno permesso alle persone di aspirare ad alloggi di qualità superiore, quindi i vecchi edifici della città vecchia sono diventati sempre meno attraenti”.
“All’inizio degli anni ’90 avevamo una situazione in cui solo una piccola frazione della popolazione di 30 anni prima viveva ancora lì”, continua, “quindi la maggior parte degli edifici erano diventati gusci vuoti e una parte molto considerevole di questi immobili apparteneva, e appartiene ancora al comune”.
“Questo ci offre un’incredibile opportunità. La città vecchia è stata lasciata ai margini dell’interesse immobiliare per decenni, quindi la sua architettura e le infrastrutture originali sono ancora intatte. Molti degli edifici sono in pessime condizioni, ma sono ancora il gli stessi edifici che sono stati sviluppati nel corso della storia. È tutto molto autentico”.
La rinascita della Città Vecchia può essere una scintilla per un cambiamento più ampio, crede Marchesi. “Una delle cose principali che stiamo cercando di fare per rigenerare la città vecchia è garantire che possiamo liberare il potenziale che i beni culturali della città vecchia hanno, per fungere da catalizzatore per la crescita”.
La strategia di Taranto per la città vecchia ruota attorno al restauro, al ripopolamento e all’accessibilità.
Come altre città italiane, il Comune ha sperimentato l’offerta di case a 1 euro in vendita sull’isola, quasi tutte vendute.
L’Università di Bari ha rilevato alcuni degli edifici più grandi della città vecchia, mentre nuovi negozi e ristoranti si rivolgono ai visitatori.
Una classica vecchia Ape italiana, la cugina più grande della Vespa (Vespa è l’italiano per vespa; Ape significa “ape”), traghetta i turisti per le strade labirintiche della Città Vecchia.
Tra quelle strade, la CNN trova Giovanni Fabiani, un turista in visita da Roma. I suoi occhi si illuminano quando gli viene chiesto delle sue impressioni sulla Città Vecchia.
“Non c’è niente qui che dovrebbe essere invidioso di Roma”, esclama. “Il museo, la città vecchia, quest’isola, è davvero meraviglioso. Amo passeggiare in queste stradine e ascoltare le loro storie. Purtroppo, non credo che sia stato curato come dovrebbe. Due giorni qui, circondato da questo, ne vale davvero la pena nella vita.”
Un importante progetto che va contro l’obiettivo del restauro è la riqualificazione da 36 milioni di euro del lungomare del Mar Grande di Taranto, una passerella elegante e moderna che legherà un nastro lungo i suoi diversi quartieri.
L’assessore comunale Ubaldo Occhinegro, responsabile per l’urbanistica e l’innovazione, afferma che il progetto Mar Grande “riacquisterà e implementerà il rapporto tra la città e il mare, ricollegando i suoi tre quartieri attraverso un percorso pedonale ininterrotto a livello del mare, dotato di vari servizi e punti di accesso”.
Il progetto collegherà anche il nuovo terminal crociere di Taranto alla parte bassa delle mura aragonesi che circondano la città vecchia, offrendo una nuova prospettiva ai visitatori, spiega.
Nel complesso, la speranza è che questi nuovi progetti cambino completamente la percezione di Taranto, sia per i visitatori che per i residenti, e sgancino il destino della città da quello dell’Ilva.
Il dilemma per Taranto è sempre stato il fatto che Ilva impiega ben 10.000 persone. Eliminare completamente quel lavoro in fabbrica sarebbe un passo drastico, ma Melucci crede che un compromesso sia possibile, principalmente attraverso la decarbonizzazione dell’impianto.
“L’idea è quella di emanciparci dall’Ilva, in modo che non sia più ‘la fabbrica’, ma semplicemente ‘una fabbrica’. Vogliamo che sia una versione più piccola, moderna e sicura di ciò che è stato in passato”.
In definitiva, e forse proprio per la Città dei Due Mari, Melucci ritiene che il destino di Taranto sia meglio concentrato sull’acqua che la circonda.
“Per Taranto vedo il mare, il mare e il mare. Qualunque sia la domanda, la risposta è il mare”, dice. “Perché il mare è il nostro DNA, è stata la nostra fortuna, il nostro sostentamento, la nostra salute, i giochi dei nostri bambini e probabilmente sarà il nostro futuro”.
“Questa è una grande città e non si può sopravvivere solo di turismo, di eventi divertenti”, continua.
“Serve anche la fabbrica, serve il porto, serve bilanciare tutto. Siamo un cantiere dell’Ilva da 50 anni, non lo siamo più. Questa è l’immagine che vogliamo consegnare alla fine di questo percorso. “

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Un Commento a: CNN Travel su Taranto: un tesoro nascosto

  1. Fra

    Settembre 1st, 2021

    Una città che non ha autostrada ,treni ,un aeroporto fermo ,una mentalità da fare schifo ,piena di incivili ,di inetti di sconsiderati ,che si accontentano del nulla e non spezzano le catene che li legano al loro destino infame . L’ultima della Puglia in tutto ,esclusa dalla regione ,sfruttata dalla stessa ,discarica di molte città d’Italia ,sporca a certi livelli ,disordinata ,caotica ,mal gestita ,un bordello a cielo aperto ,caratteristica per il guardrail rosso rame ,per le strade buie e prive di servizi ,per le sue rotatorie fatiscenti ,per i suoi esponenti di basso livello ,per le chiacchiere ,per le cozze che possiamo comprare solo noi ,per l’inquinamento acustico e ambientale ,per i sacchetti della spazzatura ovunque ,per le discariche a cielo aperto ,per la trascuratezza dei posti più belli ,per il menefreghismo delle persone ,Per la sudditanza verso Bari ,per l’assenza di treni ,per l’assenza di parcheggi ,piena di malasanità ,carente di strutture per curare le malattie causate dal fortissimo inquinamento ,dalle strade distrutte ,dalle prostitute ,dai clandestini ,dalla delinquenza ,da un sindaco che vuole cambiare ,ma il primo che deve farlo è lui ,dalle illusioni ,dalle incertezze ,dalle bellezze nascoste e malcurate ,allontanata e derisa dalle altre province ,non cambia mai ,peggiora di giorno in giorno ,ci sono solo autobus ,camion e tantissime auto ,poco Smart ,imbottigliata da tutte le parti ,una tragedia del nuovo secolo ,discendenti dagli spartani solo per coincidenza ,cioè uno sfacelo completo e in tutto questo le persone non vanno mai a votare (circa la metà ) ,hanno rivotato lo stesso presidente che ci lascia affondare da ormai sei anni e che ci prende per i fondelli ,cioè una tristezza assoluta ,il mare è bello ma non ci sono servizi ,però la spazzatura c’è ,strade provinciali mal ridotte senza segnaletica e strisce visto il buio pesto , la zona di cimino dove quelli di kegambiente non vogliono fare costruire zone residenziali ,però la carrozzeria e l’autodemolizione stanno bene li a fare da contorno ,lavori e cantieri che sai quando iniziano ,ma non sai mai la fine ,muri alti e impressionanti che circoscrivono la città ,che impediscono di godere della parte migliore della città,insomma di lavoro ce n’è tanto ,ma non si arriva mai ad una conclusione ,c’è più collegamento in fabbrica della città e le frazioni poi ,sfruttate per fare numero e poi abbandonate soltanto perché un sacco di cittadini del borgo e quartieri limitrofi si spacciano per poveri e poi percepiscono redditi e fanno una vita lussuosa non dichiarata ,ma a noi piace così si vede ,a me non piace essere l’ultimo perché questa città se ben gestita può fare tantissimo e diventare una vera rivelazione e attrazione turistica ,ma come si fa a cambiare la testa di tante pecore ,neanche un miracolo ci riuscirebbe ,magari ritornasse l’animo guerriero degli spartani ,seeee buonanotte .

    Rispondi

Commenta

  • (non verrà pubblicata)