Roccaforzata contro Mediaset: “Dati falsi sui vaccini”

 

L'amministrazione comunale contesta i dati diffusi dalla trasmissione "Zona Bianca" in onda su Rete 4 lo scorso 25 agosto
pubblicato il 30 Agosto 2021, 18:57
3 mins

“Ha destato indignazione tra i nostri concittadini il servizio ‘giornalistico’ trasmesso dal programma “Zona bianca”, andato in onda su Rete 4 il 25 agosto scorso perché ha stigmatizzato Roccaforzata come “il paesino meno vaccinato d’Italia“. Così in una nota sul profilo ufficiale Facebook l’amministrazione comunale del piccolo comune del versante orientale della provincia ionica. 

Ma “i dati diramati dalle autorità sanitarie della ASL di Taranto affermano tutt’altro e la trasmissione ha detto il falso. Bastava collegarsi al sito della ASL di Taranto https://www.sanita.puglia.it/…/156fd2b1-84f3-44d4-92f7-cfe2… per verificare che, nell’ultima tabella riepilogativa per Comuni della provincia del 24 agosto scorso, giorno precedente alla trasmissione, Roccaforzata è tra i primi comuni della Provincia quanto a vaccinazioni eseguite” commentano dall’amministrazione.

“Come amministrazione comunale abbiamo ottenuto dalla Direzione Generale della ASL di Taranto i dati aggiornati appunto al 24 agosto, e da quei dati, Roccaforzata risulta al terzo posto tra i 29 Comuni della Provincia di Taranto per numero di vaccinati con prima dose (1.277 su 1.609 concittadini in età vaccinabile – dai 12 anni in su – pari al 79,4%) e quinto su 29 comuni dei vaccinati con seconda dose (1.032 su 1.609 pari al 64,1%). Numeri che smentiscono le affermazioni diffuse dal gruppo Mediaset (rilanciate con un articolo dal sito dello stesso gruppo editoriale “Tgcom24”). Roccaforzata, con il 64,1% di vaccinati a due dosi supera la media provinciale (62,7%), regionale (59,28%) e nazionale (59,3%)” prosegue la nota del comune.

“Sono ancora pochi i giovani vaccinati? I dati attestano che il 68,84% dei rocchesi nella fascia 12-19 anni (contro la media provinciale del 50,27%) hanno effettuato almeno una dose del vaccino anti Covid. E Roccaforzata è il primo Comune della Provincia di Taranto a poter vantare questo dato. Nella classe di età 20-29 anni il dato sale al 69,27% (contro la media provinciale del 60,59%). Tra i cittadini di Roccaforzata non c’è alcun “conflitto tra vax e no vax”, come è trapelato dalle interviste trasmesse. Anzi, l’unico non vaccinato a prendere la parola è un residente a San Giorgio Jonico. Per tali ragioni, chiediamo agli autori della trasmissione di rettificare le informazioni offerte al pubblico e di scusarsi pubblicamente nello stesso spazio televisivo” si legge ancora nella nota.

“Questo ingiustificato attacco alla nostra comunità è stato compiuto dal conduttore della trasmissione Giuseppe Brindisi (originario di Modugno, Bari) e dalla giornalista tarantina Monica Arcadio – conclude l’amministrazione comunale di Roccaforzata -. Roccaforzata, sin dall’inizio della pandemia, si è dimostrata una comunità coesa, solidale, coscienziosa, responsabile contro il Covid. Non a caso è risultata sino ad ottobre tra i pochi Comuni pugliesi ancora “free covid”, cioè senza alcun positivo al virus. Tra i 7.904 Comuni Italiani perché Roccaforzata deve macchiarsi di questo stigma?“.

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)