Parchi minerali Ilva, Semat finirà lavoro Cimolai

 

Alla storica azienda dell'indotto del siderurgico il compito di terminare i lavori dopo il contenzioso e la rescissione del contratto della ditta friulana
pubblicato il 20 Agosto 2021, 19:19
12 secs

Sarà la storica impresa Semat ad occuparsi delle opere di completamento dei parchi primari (minerale e fossile) dello stabilimento siderurgico Acciaierie d’Italia di Taranto, in seguito alla rescissione del contratto con l’impresa friulana Cimolai, che ha progettato e costruito la copertura. Un intervento costato circa 300 milioni di euro. La notizia è confermata anche da fonti sindacali.

I lavori sono comunque pronti al 99,5% per il parco minerali e al 96% quella del parco fossili. La parte residua dei lavori è assegnata alla Semat, che già fa parte dell’indotto del siderurgico da tantissimi anni.

Si tratta di una delle più importanti prescrizioni dell’Autorizzazione integrata ambientale (AIA) ovvero del Piano Ambientale. La funzione della copertura dei parchi primari è quella di trattenere la diffusione delle polveri di lavorazione sulla città, in particolare sul quartiere Tamburi.

(leggi tutti gli articoli sulla vicenda Cimolai https://www.corriereditaranto.it/?s=parchi+cimolai&submit=Go)

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

2 Commenti a: Parchi minerali Ilva, Semat finirà lavoro Cimolai

  1. Fra

    Agosto 21st, 2021

    Uno scandalo continuo ,vedremo al prossimo soffio di vento forte cosa accadrà ,se vedremo il solito schifo e tutto continua come sempre ,povera Taranto ,rammolliti gli spartani ,tristezza senza fine ,ancora non si pulisce ,non si aggiusta ,tutto peggiora e la qualità dell’aria è sempre pessima !!

    Rispondi
  2. cosimo

    Agosto 24th, 2021

    Non credo che chiuderanno mai il siderurgico di Taranto e quindi ci si deve convivere. Quindi speriamo che completino questa copertura! Non è il toccasana di tutto ma già se riescono a intrappolare la’ dentro le polveri senza farle respirare ai tarantini sarà un piccolo modesto ma concreto passo verso una dimensione più umana. Gli altri passi dovrebbero essere la pura e semplice demolizione del quartiere Tamburi vera trappola sanitaria

    Rispondi

Commenta

  • (non verrà pubblicata)