Non chiedete la luna a calcio e volley

 

I tifosi di questi due sport devono portare pazienza
pubblicato il 15 Agosto 2021, 10:56
3 mins

Lo scriviamo quando ancora la stagione agonistica non è partita e le squadre sono in preparazione: cari tifosi, soprattutto quelli da tastiera, non dimenticate in fretta il 19 maggio 2021 (giorno della promozione in SuperLega della Prisma Taranto Volley) ed il 13 giugno 2021 (giorno della promozione in Lega Pro del Taranto FC1927).

I due club che hanno dato lustro allo sport tarantino affronteranno la prossima annata sportiva consapevoli che ci sarà da soffrire, stringere i denti, ingoiare anche bocconi amari per raggiungere l’obiettivo che è comune ad entrambi ossia quello del mantenimento della categoria.

Essere nel gotha della pallavolo italiana, nel campionato per club più competitivo al mondo per la Prisma Volley o essere in una Lega Pro che è quasi una serie B (Bari, Palermo, Catania, Foggia, Avellino…) per il Taranto FC 1927, deve essere motivo di orgoglio per i propri appassionati sostenitori.

C’è bisogno del loro supporto e non è nemmeno necessario chiedersi il motivo se sono sotto gli occhi di tutti gli sforzi economici compiuti da due società che hanno affrontato la pandemia dal punto di vista sportivo senza gli incassi del pubblico e con pochi e fidati sponsor.

Perché questo discorso? Perché già si leggono certi commenti social di tifosi che pongono dubbi, se non critiche, sull’operato dei club: giocatori sconosciuti, giocatori cotti, scommesse difficili da vincere, troppi giovani, budget limitato.

Sia calcio che volley, inoltre, sono accomunati da qualche mugugno, con il senno di poi, sulle motivazioni che hanno portato a non confermare, probabilmente per questioni legate all’ingaggio, rispettivamente due giocatori esperti, dal gran passato e che han fornito un contributo importante alle promozioni di cui sopra, come il centrocampista Tissone e lo schiacciatore Parodi.

Il primo – un passato in serie A con Sampdoria, Udinese e Atalanta – arrivato, dopo un lungo periodo di inattività, in riva allo Jonio nello scetticismo generale – ha saputo conquistare il cuore dei tifosi rossoblù con prestazioni via via sempre più di alto livello dal punto di vista tecnico  e tattico ma ora si è accasato alla Paganese (stesso girone del Taranto in Lega Pro); il secondo –lunghi trascorsi nella SuperLega e con la maglia della nazionale, ha lasciato il suo segno nella fase finale dei play-off,  superando anch’egli lo scetticismo di tutti – non ha trovato spazio, al momento, in alcun roster di serie A e forse attende una nuova offerta dall’estero.

Decisioni che possono apparire, forse, impopolari da parte dei due club jonici ma che sicuramente hanno una logica. E allora, cari tifosi, allungate la memoria e tifate Taranto nello sport in maniera positiva perché esigere di più- con questi chiari di luna… come si dice dalle nostre parti – ora non è possibile.

 

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)