Alla ricerca di “Sumaràre”, il sogno di nonno Cataldo

 

pubblicato il 14 Agosto 2021, 11:33
6 mins

“Maria, voc’a fazze ‘na camenàte o’ lungomare”. Così nonno Cataldo, alla veneranda età di 90 anni, si apprestava alla quotidiana passeggiatina pomeridiana, giusto per digerire un po’ e tenere in movimento le articolazioni, come gli aveva consigliato il medico.

“Papà, no t’alluntanà! Jè assaje ‘a favùgne, lo scirocco è insopportabile. Ma proprio non te ne vuoi stare sul divano a vedere a televisione? No’ puè sciucà nu picche cu le peccinne? Ma te puzze proprie ‘a casa toje?”

“Cchiù tarde, Maria, famme fa’ ste doje passe. Ne vedìme!”

Nonno Cataldo aveva però altre intenzioni, cioè rivedere i luoghi della giovinezza, in Città vecchia.

“Mò ‘nghiane suse all’1-2 e voche a’ Marine, addò m’agghie ‘nnammurate de Cungettine, mugghièreme, ca stè a San Brunone da tand’anne. Abetàve sus’a Sumaràre. Sono tanti anni che non ci vado più, nonostante lo abbia chiesto più volte a’ le figghie mije. Sì sì, papà, dumàne. Sì, sì, pò-po’. Ma adesso ci vado da solo, non ho bisogno di loro”.

Ecco la fermata davanti a San Giuseppe. Nonno Cataldo scende pian piano dal pullman e si guarda intorno. Inspira a fondo il profumo del mare, guarda i pescherecci in attesa di prendere il largo e si sente ringiovanito, tornato ai tempi in cui aiutava il papà a preparare le reti e le nasse.

Si avvicina alla banchina e ammira il panorama di Mar Piccolo. “Ma vìde ce splendòre, cè priscèzze. Proprio da qui mi tuffavo cu l’amice mije.Emme tanda panarijdde. Ce sàpe addò stonne mò!”.

Resta a lungo a guardare il mare, immerso nei ricordi. Ma si fa tardi, è il momento di mettersi alla ricerca.

“Giovane, da cè vanne stè Sumarare? No me stoc’accoghie”.

“’U me’, da mò ca stè chiuse Sumarare? No vide ca ste tutte murate?”.

In effetti, tra vico Abbastante e vico Mastrolucio, è tutta una rovina. Nonno Cataldo rivede con gli occhi della memoria la farmacia Gentile, la rivendita di lana di Gigante, il bar Mazzarrisi, Teresìne d’a frutte… E in mezzo, ‘a candine de Giuànne Sumaràre. Adesso gli pare addirittura di risentire rumori e odori che si sprigionavano dal locale. E chi se lo dimentica? Il “plo-plo” delle pentole dove bolliva il sugo, ‘u profùme de le purpette fritte infilzate ind’a furcine. Ed ecco i tavoli dove il titolare e il fratello Vincenzo servivano queste umili ma gustosissime portate assieme a tre-quattre feddozze de pane e ‘a nu quarte de vine buène de Carusìne, ca no’ jève tradetòre!”

“Tràse, Catà, bevìme a salute toje. Ie offre e tu paje”. E tutti ridevano. Anche Cataldo, che stava allo scherzo.

Qualcun giocava anche a carte, tollerato dall’oste, finchè non si passava alle male parole. Qualcuno giungeva anche a tirarsi con la molla, ma ben lontano dal locale.

“Catà, a trasè o no? Ce ste face accome na’ cuccuvasce ? Statte cu’ nuje”.

I profumi provenienti dalla cucina erano sempre più penetranti e facevano girare la testa a nonno Cataldo, come se avesse esagerato con quel buon vino. Ma non poteva fermarsi troppo. Là vicino, dalle parti di vico Abbastante, c’era la casa di quella brunetta, di cui si era innamorato.

“Cungettì, affàccete a’ fenestre. Ste Catàvete toje, te vogghie cu spose!”

“’U mè, ma te stè sìnde bbuene?” – gli chiede ridendo una ragazzetta.

Ma Concettina non è un fantasma dei ricordi, gli sta proprio davanti e sorride nella bellezza dei suoi sedici anni: occhi neri e grandi sorrisi, il vestito che profuma di mare, come allora. Tutto ciò procura ebbrezza a Cataldo, come quando esagerava con il vino di Sumaràre.

“Ma sì proprie tune?”, chiede incredulo.

“E chi altri? Nonòneme, ca stè proprie aqquà?”

“Nah, zì Vetucce. Accome stè?”

“Buène, Catà, te salute mamme e papà, cu ‘a peccenne, Carmelina, la sorellina tua andata in cielo a pochi mesi”

“Avaste cu tanda chiacchiere. Catà, vuè cu avìne cu’ me?”

“E le figgjie mije, ca me stonne aspèttene?”.

“Capiranno. Ogni cosa a suo tempo. Meh, sciàmene mo’, damm’a mane”.

Con qualche tremore, il vecchietto acconsente. Avverte il calore della mano della ragazza e gliela stringe forte. Gli gira la testa e il cuore batte forte: l’amore o che…?

Un’ora dopo, circa, un ambulanza trasporta d’urgenza in ospedale un vecchietto sentitosi male davanti a una palazzina semicrollata in via Garibaldi: i portantini avrebbero ricordato a lungo il suo grande sorriso.

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)