Università, c’è ancora dibattito

 

In Provincia si riunisce il tavolo “Formazione, Ricerca e Lavoro”, mentre partono i sopralluoghi per la nuova sede del Politecnico a Palazzo Delli Ponti.
pubblicato il 02 Agosto 2021, 16:11
4 mins

Dopo la caduta del Governo Conte II il progetto di autonomia universitaria è fermo al palo, ma si continua a lavorare su altri fronti.

Turco: «Recuperiamo la storia del Consorzio Universitario Jonico»

Presso la Provincia di Taranto si è riunito per la terza volta il gruppo di lavoro per il Tavolo “Formazione, Ricerca e Lavoro”. Alla riunione hanno preso parte i due coordinatori del progetto, il Senatore del M5S Mario Turco (già sottosegretario alla Presidenza del Consiglio) e il Presidente del Comitato per la Qualità della Vita Carmine Carlucci. Presenti anche, oltre ovviamente alla Provincia, i Comuni di Taranto, Massafra, San Giorgio e Fragagnano e le parti sindacali.

«Cercheremo di recuperare la storia del “Consorzio Universitario Jonico” nato negli anni ’90 – ha dichiarato il Senatore Turco – compatti possiamo arrivare all’obiettivo di rafforzare l’identità e l’offerta formativa universitaria di Taranto. Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) riserva importanti risorse sulla ricerca e sull’università, è un treno che Taranto non può perdere».

Il Tavolo “Formazione, Ricerca e Lavoro” era stato convocato dal Prefetto di Taranto, un tema poi condiviso dal Sindaco di Taranto Rinaldo Melucci e dal Presidente della Provincia Giovanni Gugliotti e dagli altri sindaci. «Abbiamo definito il possibile percorso giuridico per istituire una fondazione con lo scopo di sostenere l’università, la ricerca e la formazione sul territorio. In questa prospettiva, sarebbe importante recuperare la storia del Consorzio universitario jonico, trasformandolo in una nuova realtà rispondente alle nuove norme giuridiche e alle esigenze del presente. Vogliamo puntare alla formazione del domani anche in merito ai lavori richiesti dal mercato. Già nella Legge di bilancio si potranno intercettare importanti risorse finanziarie a sostegno del progetto in esame e Taranto deve farsi trovare pronta a tale opportunità».

Nel prossimo incontro, che si terrà lunedì 9 agosto, sarà presentata la bozza dello statuto del soggetto giuridico che si intenderà costituire.

A Palazzo Delli Ponti si inizia a progettare il nuovo Politecnico

Intanto, in Città Vecchia, sopralluogo a Palazzo Delli Ponti per gli operatori interessati al bando per la progettazione dell’intervento di riqualificazione e restauro che dovrà trasformare lo storico edificio in una delle nuove sedi tarantine del Politecnico di Bari. Ad accompagnare gli operatori l’assessore comunale al Patrimonio e ai Lavori Pubblici Francesca Viggiano, che ha colto l’occasione per fare il punto sulla Città Vecchia: «Una volta ultimato, Delli Ponti sarà affidato al Politecnico – ha spiegato l’assessore –, in virtù del protocollo firmato dal sindaco Rinaldo Melucci e dal rettore Francesco Cupertino. La gara per la progettazione scadrà il 9 settembre, il vincitore dovrà occuparsi degli interventi strutturali, dei nuovi impianti e del restauro degli ampi spazi di questo splendido palazzo. Al suo fianco partiremo anche con il progetto del “Social Housing” che, oltre a riconnettere intere porzioni dello storico quartiere, fornirà residenzialità diffusa e di qualità per cittadini e studenti che sceglieranno di formarsi a Taranto».

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)