Verde urbano, «Ogni albero abbattuto sarà rimpiazzato da uno nuovo»

 

pubblicato il 01 Agosto 2021, 17:24
27 secs

«Ancora più alberi in città. È uno degli obiettivi principali dell’amministrazione Melucci e del piano “Ecosistema Taranto”, che tra i progetti di punta prevede la realizzazione della “Green Belt”, una cintura verde che abbracci l’intero territorio urbano».

Così il Comune di Taranto in una nota.

«Oltre questa prospettiva – le parole dell’assessore Paolo Castronovi –, che prevede il popolamento delle aree non pavimentate con nuove piante, stiamo andando avanti anche con la manutenzione delle aree verdi esistenti e la sostituzione, al loro interno, degli alberi divenuti pericolosi con essenze non invasive».

In tal senso, tutti gli abbattimenti effettuati, rivendica l’Amministrazione, sono stati valutati da agronomi esperti, applicando il regolamento del Verde Urbano e consultando il “catasto del verde” del quale l’ente si è dotato, dove è scritta la storia di tutti gli alberi cittadini. «Anche grazie alla valutazione visiva che abbiamo effettuato – ha spiegato l’agronomo Alessandro Mongelli –, abbiamo constatato la pericolosità di alcune piante con una forte propensione al cedimento, optando per il loro abbattimento. Ogni albero abbattuto, ovviamente, sarà rimpiazzato da uno nuovo».

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Un Commento a: Verde urbano, «Ogni albero abbattuto sarà rimpiazzato da uno nuovo»

  1. Fra

    Agosto 2nd, 2021

    Gli alberi hanno bisogno di acqua ,ai giardini tagliente quei poveri ciliegi sono assetati e stanno seccando ,ancora non fate un sentiero per camminare in caso di pioggia,inoltre mi chiedo rischiamo di cadere se non sgomberate tutti quei sassi e quei pini in via medaglie d’oro perché non li potate ? . Inoltre piazzare i pini sui marciapiedi è da incompetenti perché gli stessi deturpano il manto stradale con le loro fortissime radici ,vedi l’esempio di via Vozza o un altro esempio è in viale magna Grecia che era così bella ed alberata ai bei tempi,adesso la pista cacabike,e quelle aiuole mai curate in certi punti in altri mancano proprio ,tipo con i soldi del film six underground potevate comprare delle panchine o delle piantine per completare il viale ,invece di buttare i soldi per una sicura mancata candidatura a città della cultura (very funny)per un video ignobile ad un artista barese come se a Taranto fossimo tutti scemi,sindaco non si ricandidi non fa per lei questa città mostruosa merita uno sceriffo con le palme .

    Rispondi

Commenta

  • (non verrà pubblicata)