Un debito dietro la lite: pregiudicato in manette

 

Il 65enne ha esploso due colpi di fucile a canne mozze contro il rivale, salvo per miracolo
pubblicato il 31 Luglio 2021, 11:53
45 secs

I Carabinieri della Compagnia di Manduria hanno arrestato per tentato omicidio e porto abusivo di arma clandestina, V. F., 65enne, pregiudicato di Monteparano (Taranto).

L’uomo, era creditore di circa 3.500 euro da parte di un 43enne di Fragagnano e per risolvere definitivamente la questione, aveva dato appuntamento a quest’ultimo nei pressi di un bar di Monteparano.

Il 65enne, si è presentato all’incontro con un fucile a canne mozze e all’improvviso, senza alcuna ragione plausibile, ha esploso due colpi di fucile all’indirizzo dell’uomo, uno dei quali lo ha colpito al torace. Quest’ultimo, che era ancora a bordo della propria auto, nonostante le ferite riportate, è riuscito ad allontanarsi dal posto e a raggiungere la propria abitazione, dove è stato soccorso da personale del 118 allertato dalla moglie.

Le indagini, attraverso le dichiarazioni rilasciate dalla vittima e da alcuni testimoni, hanno consentito di identificare e rintracciare in poco tempo l’autore dell’insano gesto.

Nel corso delle operazioni è stata recuperata e sequestrata l’arma del delitto, che sarà inviata al RIS di Roma per gli accertamenti balistici e dattiloscopici finalizzati ad accertare se la stessa è stata utilizzata anche in altri delitti.

Il 65enne, al termine delle formalità di rito, su disposizione dell’A.G., è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Taranto.

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)