Palio di Taranto-Trofeo dei rioni, attesa per la finale

 

pubblicato il 30 Luglio 2021, 12:10
3 mins

Dieci equipaggi composti ciascuno da due vogatori in piedi, su barche di legno a remi abbinate ai quartieri cittadini, sabato sera si contenderanno la finale della 36.ma edizione della regata storica del “Palio di Taranto-Trofeo dei rioni”. Il campo di gara, che avrà inizio alle ore 19, sarà lo specchio d’acqua del canale navigabile.

Lotteranno per il primo posto: Angelo Cuomo e Alessandro D’Elia (Talsano-San Donato), Cosimo Parabita e Giuseppe Fuggiano (Solito Corvisea), Antonio La Gioia e il giovane Daniele Quintano (Isola-Porta Napoli), Gaetano Falcone e Francesco Cortes (Salinella), Vincenzo Marco Mazzei e Francesco Quintano (San Vito-Lama-Carelli), Andrea Favale e Mirko Recchia (Paolo VI), Giuseppe D’Alba e Francesco Adamo (Tamburi), Marco Sandi e Massimiliano Nani (Solito-Corvisea), Danila Scudella e Giovanna Palmisano (Italia-Montegranaro), Emiliano Peluso e Giovanni Balzarelli (Borgo).

La prima tornata del “Palio”, svoltasi l’8 maggio, è stata vinta dal rione Isola-Porta Napoli (Antonio La Gioia-Daniele Quintano); al secondo posto, San Vito-Lama-Carelli (Vincenzo Marco Mazzei-Francesco Quintano) e al terzo, Salinella (Gaetano Falcone-Francesco Cortes).

Alle ore 20.30 nella piazza d’armi del castello aragonese si svolgerà la cerimonia di premiazione. All’equipaggio vincitore andrà il quadro raffigurante la “Madonna del Palio” (opera della pittrice Enza Sibilla) e avrà il diritto di partecipare all’importante Palio di Procida, in programma domenica 8 agosto. Parteciperà alla finale del “Palio di Taranto”, ma non sarà in gara, anche un equipaggio femminile dell’associazione “Vela Latina” proveniente proprio da Monte di Procida. La gara sarà trasmessa in diretta dalle emittenti televisive Antenna Sud e Canale 85.

La regata storica si svolge con il patrocinio di Regione Puglia, Comune e Provincia di Taranto, Agenzia regionale Asset con la collaborazione della Marina Militare e, per la prima volta, sotto l’egida della Ficsf (Federazione italiana canottaggio sedile fisso), quale riconoscimento della eccellente preparazione tecnica e atletica raggiunta dagli atleti tarantini.

“Il Palio dei Rioni – spiega l’ideatore Francesco Simonetti – nasce nel 1986 prendendo spunto dai racconti di anziani pescatori che all’inizio del 900, negli afosi giorni estivi, prendevano il largo sui propri gozzi dando luogo, per gioco, a piccole sfide. Nel corso degli anni Il Palio è diventato così un momento in cui si incontrano sport e desiderio di mantenere vive le antiche tradizioni marinare locali. In prospettiva della gara gli atleti si allenano tutto l’anno con grande sacrificio allo scopo di dedicare la vittoria al proprio rione”.

Foto Nicola De Maria

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)