Amministrative, Puglia Popolare e DLM verso una federazione centrista

 

Comincia a definirsi lo scacchiere delle alleanze in vista delle consultazioni elettorali del prossimo anno.
pubblicato il 27 Luglio 2021, 20:00
2 mins

Proseguono gli annunci di accordi e alleanze in vista delle elezioni amministrative del prossimo anno. Oggi è la volta di Puglia Popolare e  Democrazia Libera in Movimento, che ieri presso i Giardini Virgilio hanno predentato il progetto di «un unico contenitore centrista in vista delle elezioni amministrative a Taranto e in provincia, in programma a partire dal prossimo autunno». Ad annunciare il progetto i responsabili provinciali dei due movimenti politici, rispettivamente Massimiliano Stellato, consigliere regionale e comunale Giuseppe Delfino, già assessore e portavoce politico provinciale Dlm Presenti anche Raffaele Vecchi, Massimo D’Anna, Francesco Ruggieri, Francesco Basi e Milena Cinto, dirigenti di Puglia Popolare, ed a Vissia Martino e Valentina Bucci, dirigenti di DLM.

“L’idea della federazione tra forze civiche di centro che oggi si struttura a livello locale  – ha dichiarato Stellato – ricalca l’attuale andamento dello scenario regionale e nazionale. Siamo una aggregazione di cultura moderata che risponde ad un metodo democratico di selezione della classe dirigente. Superiamo la radicalizzazione della attuale dialettica con la sintesi politica, attraverso la cultura della mediazione tanto cara al partito che fu di ispirazione cristiana. Insomma, lavoriamo per rendere nuovamente centrale la “politica di centro”.

Presente già in 15 comuni della provincia di Taranto, Democrazia Libera in Movimento – attraverso Giuseppe Delfino – spiega che il patto andrà oltre l’appuntamento elettorale: “Il nostro è un matrimonio politico fondato sui valori, con una folta schiera di  giovani e professionisti e una  preponderante dirigenza  femminile. Vogliamo riportare  al centro i meriti e le competenze.  Siamo a favore del rinnovamento politico che non significhi solo volti nuovi, ma anche idee nuove. Oggi sdoganiamo l’idea di civismo  utilizzando lo stesso simbolo in tutti comuni al voto. Il “civismo  elettorale” nasce e muore nel tempo di una tornata. Noi  abbiamo fondato un patto di lungo respiro, che  riporta al centro le persone e le competenze”.

Il movimento con i suoi dirigenti, che ha già annunciato il sostegno alla candidatura di alcuni sindaci della provincia, ufficializzerà e breve il proprio posizionamento, comune per comune, in tutti i municipi al voto.

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)