Bonifica ex Yard Belleli, 4 milioni dalla Regione

 

Delibera proposta dall'assessore all'Ambiente Maraschio approvata in Giunta regionale. Trance fa parte di una spesa totale pari a 41,5 milioni
pubblicato il 23 Luglio 2021, 17:21
2 mins

Ammontano a quattro milioni di euro le risorse per la bonifica della falda dell’area ex Yard Belleli, ricompresa nel SIN, sito di interesse nazionale di Taranto, stanziate dalla Regione Puglia.

(leggi l’articolo https://www.corriereditaranto.it/2021/07/14/cis-taranto-la-vera-partita-e-sulle-bonifiche-1/)

La delibera, proposta dall’assessora regionale all’Ambiente Anna Grazia Maraschio e approvata in Giunta regionale, assegna il finanziamento nel più ampio progetto di bonifica e riconversione seguito alla proposta di insediamento produttivo da parte del Ferretti Group Spa sull’area dell’ex Yard Belleli.

(leggi l’articolo https://www.corriereditaranto.it/2021/07/15/cis-taranto-gruppo-ferretti-firma-accordo-di-programma/)

“L’intervento in questione – ha dichiarato l’assessora Maraschio – oltre ad essere un’operazione necessaria per la tutela della salute pubblica, ha un grande valore strategico: la bonifica dell’area è propedeutica a un investimento industriale in grado di creare occupazione e sviluppo nella città di Taranto. Il gruppo Ferretti – 1.500 dipendenti e 700 milioni di euro di fatturato – ha infatti deciso di investire in Puglia per realizzare un nuovo cantiere navale e poter assumere 200 lavoratori. Il finanziamento approvato oggi fa parte di un progetto di messa in sicurezza permanente della falda, che prevede una spesa complessiva da parte della Regione Puglia di 41,5 milioni di euro, di cui 10 sono già stati stanziati. Oltre a riqualificare l’ambiente, interventi come questo possono creare nuove alternative occupazionali, restituendo a Taranto il prestigio e le opportunità che merita”.

(leggi gli articoli sulla bonifica dell’ex Yard Belleli https://www.corriereditaranto.it/?s=yard+belleli&submit=Go)

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)