Acciaierie d’Italia, ok a bilancio 2020 e nuovo Cda

 

Confermata l'elezione a presidente di Franco Bernabè, e dell’Amministratore Delegato, Lucia Morselli
pubblicato il 22 Luglio 2021, 18:08
2 mins

L’Assemblea degli Azionisti di Acciaierie d’Italia Holding Spa, riunitasi ieri, ha approvato il bilancio 2020 della società con un utile netto pari a circa euro 4 milioni. Il patrimonio netto si attesta a euro 1.828 milioni e i debiti finanziari sono pari a zero. E’ quanto si legge in una nota della società.

L’Assemblea ha inoltre nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione, con mandato fino all’approvazione del bilancio dell’esercizio che si chiuderà il 31 dicembre 2022. In quota ArcelorMittal sono stati nominati Lucia Morselli, Kristian Notebaert e Ondra Otradovec. In quota Invitalia sono stati nominati Franco Bernabè, Francesco Cao e Carlo Mapelli.

L’Assemblea ha altresì nominato i membri del Collegio Sindacale, che resterà in carica fino all’approvazione del bilancio dell’esercizio che si chiuderà il 31 dicembre 2023, nelle persone del presidente Franco Dalla Sega e dei Sindaci Effettivi Luigi Giancaspero e Roberto Spada.

Il Consiglio di Amministrazione di Acciaierie d’Italia Holding Spa si è quindi riunito per procedere alla nomina del Presidente, Franco Bernabè, e dell’Amministratore Delegato, Lucia Morselli.

“L’approvazione del bilancio 2020, l’insediamento formale del nuovo CdA e la nomina di Franco Bernabè a Presidente, segna il passaggio definitivo della transizione negli assetti societari di Acciaierie d’Italia. Adesso ci sono tutte le condizioni per imprimere una svolta ed un’accelerazione, entrambe indispensabili, per le prospettive industriali, occupazionali ed ambientali del Gruppo. Subito il piano industriale e subito una svolta nelle relazioni industriali a cominciare dal ritiro dei provvedimenti di messa in libertà dei lavoratori che stanno scioperando a Genova”. E’ quanto ha dichiarato oggi Gianni Venturi, segretario nazionale Fiom-Cgil e responsabile siderurgia.

(leggi gli articoli su Acciaierie d’Italia https://www.corriereditaranto.it/?s=acciaierie+italia&submit=Go)

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Un Commento a: Acciaierie d’Italia, ok a bilancio 2020 e nuovo Cda

  1. Fra

    Luglio 22nd, 2021

    Qui gli spartani dormono sempre ,ma il 3% del premio ci sarà ,cosa cambierà ,vedremo una luce infondo al tunnel ? A proposito di luce tutti quei pali con luci al led Quando saranno accesi ? Quando ci saranno dei cestini Dove riporre i rifiuti ,quando ci sarà una vera gestione che faccia apparire tutto questo scempio un qualcosa di diverso ,ma cosa fanno le istituzioni? È vergognoso vedere il guardrail rosso rame quando è silver,tutti i rifiuti per strada ,materassi bottiglie mobili e chi più ne ha più ne metta ,non è giusto ,andare verso il porto e vedere tutto questo scempio ,credo che l’Anas dovrebbe anche pulire le strade una volta ogni tanto ,quelle rotatorie al buio dove si rischia di farsi male ,qualcuno deve intervenire ;sindaco si occupi di questo visto che non le riesce di fare chiudere l’area a caldo ,pensi alla nostra città a quello che vedono i turisti ,di come rimangono scioccati e ci chiamano babbioni e privi di personalità ,una figuraccia che a volte mi sento di sprofondare ed è sempre una freccia al cuore assistere a questi scenari tristi e sconsolanti . Fate qualcosa anche voi di plastica aqquà,Lega ambiente dei mie coioni,è assurdo vedere discariche a cielo aperto e poi ne abbiamo una vicina che smaltisce i rifiuti di Roma e Napoli ,,lo ripeterò fino alla nausea fino a quando non vedrò un cambiamento !!

    Rispondi

Commenta

  • (non verrà pubblicata)