Sperimentazione voli suborbitali a Grottaglie dal 2023?

 

Questo l'obiettivo per il direttore generale dell'Enac Alessio Quaranta in occasione della presentazione del Rapporto annuale dell'Ente
pubblicato il 20 Luglio 2021, 18:07
3 mins

Il presidente dell’ENAC, avvocato dello Stato Pierluigi Di Palma, e il direttore generale, dott. Alessio Quaranta, hanno presentato quest’oggi, presso la Sala Tamburro dell’Ente, il Rapporto e Bilancio Sociale ENAC sulle attività svolte nel corso del 2020 lanciando, al contempo, una visione del trasporto aereo verso una nuova idea di policy che traguarda l’Ente e il settore fino a prefigurare, nel futuro prossimo, il riconoscimento giuridico del comparto aerospaziale.

Nel corso della presentazione sono intervenuti anche Enrico Giovannini ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili e Gabriella Palmieri Sandulli avvocato Generale dello Stato.

(leggi l’articolo https://www.corriereditaranto.it/2021/04/29/aeroporto-compagnie-pronte-voli-suborbitali-dubbi/)

Durante la presentazione c’è stato spazio anche per l’aeroporto di Grottaglie. “L’obiettivo è partire con la sperimentazione per i voli suborbitali nel 2023 a Grottaglie – ha detto il direttore generale dell’Enac Alessio Quaranta in occasione della presentazione del Rapporto annuale dell’Ente -. Adesso si tratta di stabilire le regole per operazioni e traiettorie, che pensiamo possano essere pronti per fine anno di licenziare – spiega Quaranta -. Oggi non c’è un player nazionale, ma c’è già qualche soggetto internazionale che si sta affacciando. La sperimentazione, spiega ancora, partirebbe all’inizio con voli punto-punto con obiettivi scientifici”.

L’aeroporto di Taranto Grottaglie è il sito individuato per la realizzazione del primo spazioporto in Italia.

Ricordiamo che a seguito di un processo di pianificazione strategica e di selezione dei differenti siti aeroportuali, nonché sulla base di specifici criteri tecnico operativi individuati dall’ENAC, con l’Atto di indirizzo del MIT n. 20 del 9 maggio 2019, il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti ha designato l’aeroporto di Taranto Grottaglie quale sito per la realizzazione del primo spazioporto in Italia.

In parallelo, avvalendosi degli apporti di personale esperto dell’Ente e di professionalità esterne, provenienti dai diversi settori di interesse (ENAV, ASI, rappresentanti dell’industria nazionale, come ALTEC, e Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco), l’ENAC ha redatto, nel 2020, una prima versione del Regolamento per la costruzione e l’esercizio degli spazioporti” che è in vigore dall’ottobre scorso. Nel maggio 2020 la versione preliminare del documento è stata presentata, in videoconferenza, a una platea internazionale di esperti del settore, appartenenti alle diverse Autorità dell’aviazione civile europee, in occasione della IV edizione dell’European Commercial Spaceport Forum.

(leggi l’articolo https://www.corriereditaranto.it/2019/08/27/entro-la-meta-del-2021-i-voli-suborbitali-da-grottaglie/)

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Un Commento a: Sperimentazione voli suborbitali a Grottaglie dal 2023?

  1. Fra

    Luglio 20th, 2021

    Cioè l’altro giorno sto coso cercava compagnie interessate a volare su Taranto (ora parla di spazio porto che sinceramente crediamo tutti si trovi a porta Napoli ,invece parlare di voli commerciali che ci possOno fare avvicinare di più al resto del mondo ,questo ignorante messo lì per opera della Misericordia dovrebbe tacere e sparire sullo spazio e restarci e magari vagare nel l’infinito . Gli spartani reagiranno A questa ingiustizia ,e il sindaco farà qualcosa o fingere il solito interesse e la solita sudditanza che ormai ci ha completamente rotto gli zebedei ?

    Rispondi

Commenta

  • (non verrà pubblicata)