Linea Verde Tour tre le bellezze di Taranto e provincia

 

Il programma in onda sabato 17 luglio alle 12 su Rai 1 visiterà la Gravina di Leucaspide, gravina di Riggio, Salina dei Monaci, fiume Chidro, città Vecchia e quartiere delle ceramiche di Grottaglie
pubblicato il 16 Luglio 2021, 18:32
2 mins

Mare. Archeologia. Natura. Sono queste le tre parole chiave che accompagneranno lo spettatore lungo la nuova avventura di Linea Verde Tour dalla provincia di Taranto, in onda sabato 17 luglio alle 12 su Rai1. Il viaggio di Federico Quaranta comincerà da un luogo selvaggio e incontaminato, la Gravina di Leucaspide, uno dei più imponenti esempi del fenomeno carsico nel territorio tarantino, poco distante da Statte. Si tratta di una zona ricca di grotte, di pareti di roccia tenera facile da scavare, di vegetazione e di acqua, che rappresenta da tempi lontanissimi luogo prediletto per l’insediamento umano.

L’avventura di Federico Quaranta proseguirà poi attraverso la gravina di Riggio in compagnia del fotografo e regista Carlos Solito e si concluderà con una gita in barca a vela nelle acque cristalline del mar Ionio, alla ricerca di leggende e tracce di storia greca.

Più legato al territorio e all’enogastronomia invece il percorso di Peppone Calabrese, che nel quartiere delle ceramiche di Grottaglie scoprirà bellezze architettoniche medioevali e arti antichissime, arrivando poi ad assaggiare le gustose prelibatezze del territorio in una masseria dove una famiglia da quattro generazioni si è legata alla produzione di vino e olio.

Giulia Capocchi si immergerà nello spettacolo naturale delle Salina dei Monaci, arrivando alla foce del fiume Chidro, e concluderà il suo viaggio nel cuore millenario di Taranto. Il sottosuolo della città che fu capitale della Magna Grecia è infatti ricco di ipogei, grotte scavate nei millenni per estrarre materiale, creare luoghi di culto o di difesa, frantoi e tombe. Una città nella città incredibile e misteriosa.

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)