In fumo la Salina Piccola

 

Le immagini dell'area il giorno dopo il grande incendio in una lettera aperta dell'Osservatorio Permanente Salinella
pubblicato il 06 Luglio 2021, 16:41
2 mins

Hanno fatto il giro dei social le immagini del grande incendio che ieri ha devastato gran parte della Salina Piccola, a cavallo fra i quartieri Salinella e Taranto 2. Le proporzioni del danno, in un’area candidata a diventare riserva naturale, sono evidenti nelle immagini del giorno dopo, diffuse dall’Osservatorio Permanente Salinella.

«Quella dell’Oasi – scrive l’OPS in una nota – è una causa che portiamo avanti ormai da diversi anni e per la quale – lo ribadiamo ancora una volta – tre anni fa lanciammo una raccolta firme che vide 701 abitanti della città di Taranto richiedere un futuro diverso per quest’area. La petizione fu consegnata brevi manu a diversi componenti della Giunta Melucci il 5 marzo 2019 e, da allora, non ci siamo mai fermati. Per permettere a tutti di conoscere l’Oasi abbiamo anche realizzato un sito aperto a tutti: https://oasi.salinellataranto.it»

«I progetti in essere per l’area sono diversi, anche considerando i prossimi Giochi del Mediterraneo che vedono la Salinella al centro della riqualificazione green dell’amministrazione Melucci: abbiamo partecipato a diversi incontri e collaborato alla progettazione del futuro “Parco del Mediterraneo” per il quale siamo in attesa di riscontri da parte del Comune di Taranto.

«Per quanto possano sembrare vani gli sforzi per tutelare l’Oasi, noi non abbiamo alcuna intenzione di fermarci di fronte a questi violenti attacchi verso qualcosa che potrebbe regalare alla città di Taranto un qualcosa di meraviglioso. Abbiamo stilato un protocollo d’intesa per l’istituzione della “Rete dell’Oasi” che andrà a tutelare l’area da qualsiasi interesse alternativo alla sua riqualificazione e salvaguardia, nei prossimi giorni lo sottoporremo ad enti e associazioni che si sono già dette interessate alla firma – tra queste menzioniamo a titolo esemplificativo WWF Taranto, il Liceo Ginnasio Aristosseno, Lignum – Alberi per Taranto, le due parrocchie Santa Famiglia e Spirito Santo».

Foto AirVid Group, via Osservatorio Permanente Salinella
Foto AirVid Group, via Osservatorio Permanente Salinella
Foto AirVid Group, via Osservatorio Permanente Salinella
Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)