Dopo sei mesi torna a riunirsi il Cis Taranto

 

Convocato il tavolo il prossimo 8 luglio dal ministro per il Sud: diversi i punti all'ordine del giorno
pubblicato il 28 Giugno 2021, 18:48
2 mins

Tornerà finalmente a riunirsi nell’ambito del Contratto Istituzionale di Sviluppo, il prossimo 8 luglio 2021 alle ore 10, il Tavolo istituzionale permanente per l’Area di Taranto (lo stesso giorno, al MiSE, è previsto un nuovo incontro sulla vertenza Ilva).

La convocazione arriva dal ministro per il Sud, Mara Carfagna, che lo scorso marzo ha ottenuto la delega dal governo. Convocati oltre agli enti comunali e regionali, anche dieci ministeri interessati dai vari progetti.

Diversi i punti all’ordine del giorno che saranno esaminati: informativa sulla designazione del Responsabile Unico del Contratto, nuova governance del CIS e riattivazione del Nucleo Tecnico del CIS; informativa sullo stato di attuazione del Contratto Istituzionale di Sviluppo per l’Area di Taranto e programma di lavoro; accordo tra Amministrazioni per la dismissione dagli usi militari ed il recupero e la valorizzazione culturale e turistica dell’area “Stazione Torpediniere” del Mar Piccolo di Taranto del 12 ottobre 2020: verifica dello stato di avanzamento degli interventi e approvazione della proposta di finanziamento del completamento della Base navale in Mar Grande; stato di attuazione dell’intervento relativo alla bonifica e alla reindustrializzazione dell’area “ex Yard Belleli”; XX Giochi del Mediterraneo di Taranto 2026: presentazione del Master Plan e definizione delle proposte progettuali; informativa sullo stato di attuazione del Programma per la bonifica, ambientalizzazione e riqualificazione dell’area di Taranto di cui all’articolo 6 del decreto legge 5 gennaio 2015, n.1; informativa sulle attività del Commissario Straordinario del Porto di Taranto, di cui all’articolo 7 del decreto legge 5 gennaio 2015, n.1; informativa sullo stato di attuazione degli interventi di competenza del Comune di Taranto; informativa sull’Istituto di Ricerche Tecnopolo Mediterraneo per lo Sviluppo Sostenibile; informativa sullo stato di attuazione del progetto “Acquario Green”; informativa sul progetto di recupero di aree a verde e relitti stradali in area urbana.

(leggi l’articolo https://www.corriereditaranto.it/2021/06/09/cis-tecnopolo-ed-ex-ilva-quale-futuro-per-taranto2/)

La riunione del Tavolo si svolgerà presso la sede della Prefettura di Taranto. Sarà possibile anche collegarsi in modalità conferenza audio-video.

Staremo a vedere quali novità emergeranno dal tavolo.

(leggi gli articoli sul Cis Taranto https://www.corriereditaranto.it/?s=cis+taranto&submit=Go)

Condividi:
Share
Gianmario Leone, nato a Taranto il 2/1/1981, laureato in Filosofia, docente di Storia e Filosofia, per 8 anni opinionista del quotidiano "TarantoOggi" nel settore, ambiente, politica, economia, cultura e sport, collaboratore e referente per la Puglia dal 2012 de "Il Manifesto" e del sito "Siderweb", collaboratore dal 2011 al 2015 del sito di informazione ambientale www.inchiostroverde.it. Ha collaborato nel corso degli anni anche con altre testate on line o periodici cartacei come 'Nota Bene' e 'LiberaMente' ed è un'opinionista di "Radio Onda Rossa" e "Radio Onda d'urto". Collabora con Radio Popolare Salento. Dal 2008 al 2012 ha lavorato per l'agenzia di stampa "Italiamedia". Ha contribuito alla realizzazione del lungometraggio 'Buongiorno Taranto' e al docufilm 'The italian dust'. Nel dicembre 2011 ha ottenuto il “Riconoscimento S.o.s. Taranto Chiama”, "per il suo impegno giornaliero d’indagine e approfondimento sui temi ambientali che riguardano la città". Nel febbraio del 2014 invece ha ottenuto il premio dei lettori nel "Premio Michele Frascaro, dedicato al giornalismo d’inchiesta", indetto dalle Manifatture Knos e patrocinato dall’Ordine Nazionale e Regionale dei Giornalisti , attribuito in base al voto on line, per la sua inchiesta sul progetto “Tempa Rossa” (Eni), che racchiudeva gli articoli scritti tra il 2011 e il 2012.

3 Commenti a: Dopo sei mesi torna a riunirsi il Cis Taranto

  1. Gico

    Giugno 28th, 2021

    Tra le tante chiacchiere forse riusciremo solo ad ottenere il finanziamento per il completamento della nuova Base Navale. Il resto è noia
    ! perché alla fine della fiera non esiste un tessuto produttivo o dei soggetti realmente interessati. Mi spiego, non esistono delle cordate capaci ad esempio di rilevare ex Yard Belleli per realizzare un centro navalmeccanico come non esiste e non vi è la volontà di recuperare ex stazione Torpediniere. Infine parlare di Tecnopolo o di Aquario Green vuol dire parlare del trascendente.

    Rispondi
  2. Fra

    Giugno 29th, 2021

    Non fate che discutere ,cambiate i personaggi del Monopoli ,ma questa città non cambia mai volto e si parla solo di acciaio inquinante ,treni a bassa velocità ,aereo spazio e via di scorreggio o discorrendo ? Vogliamo volare via siamo stufi ,ci avete rotto le Balls , qui non cambia mai niente rifiuti rifiuti rifiuti e rifiuti ,soltanto rifiuti per noi .. chiediamo alla grande Mina di incidere una canzone con queste parole ,grazie .

    Rispondi
  3. Franco

    Luglio 5th, 2021

    Sicuramente il buffet sarà più corposo dei contenuti del fantomatico”tavolo istituzionale”.
    In compenso, sento già odore di PAPPATOIA per politici e sindacati locali. Per il resto sarà sempre la stessa solfa : l aeroporto di Grottaglie avrà presto più voli di Malpensa …il porto sarà florido e pieno di aziende…lo spazio porto sarà operativo tra qualche giorno … Taranto e provincia sono in ottima salute economico/sociale…e il 25 dicembre Babbo Natale prenderà casa a Taranto.

    Rispondi

Commenta

  • (non verrà pubblicata)