Jève ‘u tièmbe de Tarattattà…

 

pubblicato il 23 Giugno 2021, 22:11
5 mins

Anni Novanta, piazza della Vittoria, gremita come al solito di giovani.

“Addò amma scè creje?”

“E stè besògne ca ‘u dumanne? Da ‘Olio Fiat’, a corse ‘Talia affianghe o’ trebbunàle: fanne le pizze ca ne leccame le mustazze! E se paje pure picche”

Certo, chi si fosse trovato, allora, ad ascoltare questo dialogo, sarebbe rimasto basito: come, le pizze da un rivenditore di olio per auto?

“None, ‘u fatte jè ca l’nzegne d’u aggiustamachene’ affianche, appunde “Olio Fiat”, jè cchiù grosse de quedda d’a pezzerie, ca pe tutte à rumaste “Olio Fiat”. Ma l’olie p’a pezzèlle… jè de prima qualità”.

E come si chiama effettivamente il locale? “’U nome sue jè ‘Non solo pizza’ ma apprime se mettève ‘Tavola Calda’. Da tand’anne stàve addà. Faceve ‘u gulash cchiù bbuène de quidde d’a Birra Dregher, ind’a chiazze ‘Mmaculate”.

“Sìne, attàname dice ca ‘a cucine jè totta tarandine, comm’a Sumarare, abbasce ‘a Marine, a Tarde vecchie”, addò se mangiàvene le purpette o’ sughe c’u pane”.

“Apposte, allore, amm’a scè addà”.

“Sìne, Stè pure ‘u pizzaiole ca jè nu’ spasse”

“Eccome no, Tarattattà!”

“Com’è? Ce me stè sfutte? Abbad’a te, ‘u mè!

“Ma no, lo chiamano così perchè stende la pasta lievitata battendola con la mano a tempo di musica. Tarattattà! Ma il nome suo è “zì’ Veciènze ‘u luenghe”, bravissimo”.

“Mo m’arrecorde. Apprima fadiàve c ‘u sòcrese, zi’ Giuanne, nu’ panefecatòre fine averàmende, stave a via Emilia: ‘u sue parève probrie pane fatt’a ccase”.

….

E siamo nel 2021. “Zi’ Giuanne” sta in Cielo assieme a San Cataldo e a Sant’Egidio mentre “zi Veciènze” è in pensione e ogni tanto si fa vedere nel locale per controllare e complimentarsi col figlio, Roberto Izzo, che porta avanti l’attività valorizzando il gusto della cucina schiettamente tarantina, come quella d’abbasce ‘a Marine. L’insegna è cambiata e reca il nome di “Zia Rosetta”, con un “Taranto” affianco a sottolineare l’appartenenza alla città più bella del modo: la nostra. Ma se tròve su via Lombardia 6, dananze a piazza Sicilia. ‘U figghie di “Zi’ Veciènze” avène d’o’ “Moonvida” vecìne a Marechiàre, dove se mangiàvene frutti di mare preparati comm’a San Catàvete cumanne. Soprattutto gustosissimi “cuèccele” da far risuscitare.. le virtù di un morto. Perchè Zia Rosetta? “Jève ‘a nonna mea“– spiega – che mi deliziava la domenica a pranzo con un sugo che faceva bollire per almeno quattro ore. Da peccìnne, di nascosto, intingevo il pane ‘ind’o tièste’ per mangiarlo di nascosto. Quant’a lùcchele’, quando se ne accorgeva! Mi raccontava che così lo faceva anche ‘Sumaràre’, cucina povera ma gustosissima. E quel sugo, proprio così come lo preparava lei, lo servo oggi a’ le vescetàre mije. Sua è anche la ricetta della parmigiana, con cui preparo anche i panini da portare a casa. Ci sono tante cose buona e sfiziose, come la pancetta porchettata! Le pizze in teglia sono il piatto principe, buone come le faceva papà mio, ‘Tarattattà’”. Anche le birre sono sopraffine, ognuna da accostare alle varie portate: “Proprio come ho appreso da ‘Facce de gomme’, de San Vite, ca m’a purtate ind’a tande birrifici di Monaco” – sottolinea Roberto, al quale chiediamo, infine, consigli per un menu da… sabato sera, proprio come ai tempi in cui eravamo più giovani, con poche pretese e ancor meno soldi in tasca ma con addosso argento vivo a buttare. “U ssignerìe, me stè facìte perdè tiembe, ca jè denàre. Scè vedìte fesbuk, ‘Zia Rosetta Taranto’. Jeve ‘u stesse locale addò fadiàve “Damiane de le pollette”, ca n’a recrejàve ‘a notte fine all’albe. Acchiàte tutt’addà stè! Bonasère!”.

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)