Prisma Volley: il nuovo opposto è Sabbi

 

Scuola Sisley Treviso, vanta 124 presenze in Nazionale
pubblicato il 15 Giugno 2021, 18:36
4 mins

Giulio Sabbi, romano di Palestrina, ma residente a Treviso, classe 1989, 201 cm di altezza, è il nuovo schiacciatore opposto della Prisma Taranto Volley.

Sabbi, 124 presenze con maglia della nazionale (argento agli Europei del 2011 e bronzo nel 2015), nasce come pallavolista nelle giovanili della Sisley Treviso (vince una Junior League nel 2009. Nella stagione 2014/15 vince la Supercoppa Italiana facendo parte del roster della Lube Civitanova Marche. L’anno dopo arriva la prima esperienza all’estero, in Francia, con il con il Tours dove vince un Supercoppa nazionale. Nella stagione 2015-16 vola in Cina  a Shangai dove vince il campionato cinese e viene premiato come miglior opposto della Lega asiatica. Rientra in Italia per rigiocare a Molfetta nella stagione 2016/17, casacca con la quale si toglie la soddisfazione di essere premiato come miglior marcatore della serie A/1 (564 punti) e come miglior battitore (57 ace). Nella stagione 2018/19 è protagonista della doppietta (Campionato di A/2 + Coppa Italia di A/2) con la maglia di Piacenza. Seguon un’altra esperienza a Shangai – dove vince nuovamente la Lega Cinese – ed il ritorno in Italia nella stagione appena trascorsa a Cisterna.

Il flirt con Taranto è cominciato subito dopo la conquista della SuperLega dei rossoblù. E’ lo stesso Sabbi a raccontarlo: ”Ho seguito le finali play-off di A/2 e subito dopo la promozione di Taranto ho scritto un messaggio di congratulazioni a coach Di Pinto che conosco dai tempi di Molfetta. Dopo alcuni giorni lui mi ha chiamato e mi ha chiesto se fossi libero e se avessi voglia di giocare a Taranto. Ho risposto subito che avevo voglia di tornare in Puglia e rimettermi in gioco in una piazza che ha una sua storia pallavolistica”.

Il coach – manager Di Pinto lo descrive come un opposto capace di attaccare un alto numero di palloni e di prendersi delle responsabilità in partita in virtù di un carattere generoso e combattivo.

“ Si è vero. Se non attacco tanti palloni sto male. Per stare in partita devo attaccare tanto” – conferma Sabbi – “Certo bisogna saper fare anche tutto il resto e chi mi conosce sa che fornisco il mio contributo sia in battuta che a muro”.

Sul campionato che si andrà ad affrontare ecco il suo pensiero: “Rispetto a quando Taranto ha disputato la sua ultima stagione in A/1 il livello si è alzato tantissimo. In SuperLega nessuno ti regala nulla e contro qualsiasi squadra devi giocare sempre al massimo delle tue possibilità. Il divario tecnico può essere sopperito dalle motivazioni, dalla determinazione e dalla voglia di lottare su ogni pallone”.

Il suo idolo pallavolistico è stato Fei che ha potuto avere come compagno di squadra: “Sono cresciuto sotto la sua protettiva quando ero nelle giovanili della Sisley Treviso. Ho sempre avuto lui com modello. In seguito l’ho ritrovato poi a Piacenza due stagioni fa, a fine carriera. E’ stato sempre lui il mio modello di riferimento”

A proposito di schicciatori opposti, Sabbi è chiamato a proseguire la tradizione di livello di Taranto dei giocatori in questo ruolo (Schuil, Anderson, Vissotto, Rivaldo e buon ultimo Padura Diaz: “E’ una responsabilità in più che non mi pesa. Conosco il passato della Prisma Taranto. Ci mettero sempre tanto impegno, questo sento di prometterlo. Ho voglia di riscatto visto che l’ultima stagione con la Top Volley Cisterna è stata deludente”.

Infine un pensiero riguardo il suo nuovo pubblico: “Ricordo con piacere Taranto perché nella gara di andata della stagione 2009/2010 feci il mio esordio in prima squadra con la Sisley Treviso. Avevo venti anni e ricordo questo pubblico un po’ caciarone…come piace a me che può essere determinante nelle partite che contano ai fini dell’obiettivo finale”.

 

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)