Acciaierie d’Italia: “Ok bilancio 2020 non sia scusa per Stato”

 

La società: "Non può essere considerato motivazione sufficiente per la mancata partecipazione di Invitalia alla governance"
pubblicato il 13 Giugno 2021, 19:09
5 secs

Ancora una nota di Acciaierie d’Italia in merito alla querelle legata all’approvazione del bilancio 2020. La società precisa “che nessuna manleva da parte del Socio pubblico è necessaria per procedere all’approvazione del bilancio 2020tantomeno tale manleva è stata mai allo stesso Socio pubblico richiesta“.

Acciaierie d’Italia ricorda inoltre, come già sottolineato nel comunicato del 2 giugno scorso, “che nell’accordo firmato con Invitalia il 10 dicembre 2020 è espressamente previsto che l’approvazione del bilancio 2020 non richiede il voto favorevole di Invitalia o dei consiglieri da essa designati. Il processo di approvazione del bilancio 2020 non può quindi essere considerato motivazione sufficiente per la mancata partecipazione di Invitalia alla governance di Acciaierie d’Italia Holding sin dal momento del suo investimento nel capitale, avvenuto il 14 aprile scorso”.

(leggi l’articolo https://www.corriereditaranto.it/2021/06/02/ex-ilva-acciaierie-ditalia-fa-chiarezza-su-bilancio-2020/)

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Un Commento a: Acciaierie d’Italia: “Ok bilancio 2020 non sia scusa per Stato”

  1. Fra

    Giugno 13th, 2021

    Vi tengono in pugno

    Rispondi

Commenta

  • (non verrà pubblicata)