Tempa Rossa, ancora problemi tecnici in Basilicata

 

Interventi in corso per il ripristino delle normali condizioni di visibilità della fiamma in torcia a causa del blocco di un compressore di secondo stadio
pubblicato il 12 Giugno 2021, 18:06
2 mins

Ancora problemi nel Centro Olio Tempa Rossa, dopo il riavvio generale delll’impianto della scorsa settimane, avvenuto al termine di una serie di interventi manutentivi sul compressore del propano avviati domenica scorsa, 30 maggio, alla presenza dei tecnici specialisti dell’azienda costruttrice. Proprio alcuni problemi al compressore avevano dato luogo a nuove fiammate dalle torce (a causa dell’invio del gas nelle stesse) che avevano allarmato, ancora una volta, la popolazione locale.

La società Total Italia ha reso noto che l’innalzamento del livello di liquido di condensa in un filtro ha provocato nella mattinata di ieri, il blocco di un compressore di secondo stadio – diverso da quello oggetto della recente fermata – e ne ha determinato l’automatico arresto come da normale funzionamento dello stesso. 

La fermata temporanea della sezione del trattamento del gas con il conseguente innalzamento della fiamma in torcia “rientra nelle procedure di salvaguardia dell’integrità degli impianti e della correttezza del processo, a garanzia di ambiente e sicurezza” specificano ancora una volta dalla società. 

(leggi l’articolo https://www.corriereditaranto.it/wp-admin/post-new.php)

Sono in corso le attività di riavvio della specifica sezione e si prevede il rientro del livello della fiamma in torcia alle normali condizioni di funzionamento entro le prossime 48 ore. 

(leggi l’articolo https://www.corriereditaranto.it/2021/03/08/tempa-rossa-ministero-dellambiente-bacchetta-leni2/)

Secondo la società “non si prevede nessuna ricaduta in termini di inquinanti, la qualità dell’aria è costantemente monitorata dalle stazioni di monitoraggio installate nei dintorni del Centro Olio. I dati rilevati sono comunicati in tempo reale ad ARPAB e, dopo loro validazione, pubblicati sull’APP Tempa Rossa e sul sito della Regione Basilicata”. 

(leggi gli articoli su Tempa Rossa https://www.corriereditaranto.it/?s=tempa+rossa&submit=Go)

Condividi:
Share
Gianmario Leone, nato a Taranto il 2/1/1981, laureato in Filosofia, docente di Storia e Filosofia, per 8 anni opinionista del quotidiano "TarantoOggi" nel settore, ambiente, politica, economia, cultura e sport, collaboratore e referente per la Puglia dal 2012 de "Il Manifesto" e del sito "Siderweb", collaboratore dal 2011 al 2015 del sito di informazione ambientale www.inchiostroverde.it. Ha collaborato nel corso degli anni anche con altre testate on line o periodici cartacei come 'Nota Bene' e 'LiberaMente' ed è un'opinionista di "Radio Onda Rossa" e "Radio Onda d'urto". Collabora con Radio Popolare Salento. Dal 2008 al 2012 ha lavorato per l'agenzia di stampa "Italiamedia". Ha contribuito alla realizzazione del lungometraggio 'Buongiorno Taranto' e al docufilm 'The italian dust'. Nel dicembre 2011 ha ottenuto il “Riconoscimento S.o.s. Taranto Chiama”, "per il suo impegno giornaliero d’indagine e approfondimento sui temi ambientali che riguardano la città". Nel febbraio del 2014 invece ha ottenuto il premio dei lettori nel "Premio Michele Frascaro, dedicato al giornalismo d’inchiesta", indetto dalle Manifatture Knos e patrocinato dall’Ordine Nazionale e Regionale dei Giornalisti , attribuito in base al voto on line, per la sua inchiesta sul progetto “Tempa Rossa” (Eni), che racchiudeva gli articoli scritti tra il 2011 e il 2012.

Commenta

  • (non verrà pubblicata)