Ex Ilva, Acciaierie d’Italia fa chiarezza su bilancio 2020

 

Nota della società in merito all'approvazione di bilancio atteso entro il 30 giugno: "Posizione finanziaria netta largamente positiva"
pubblicato il 02 Giugno 2021, 16:53
15 secs

La società Acciaierie d’Italia prova a fare chiarezza in merito alle tante, troppe, indiscrezioni di stampa relative all’approvazione del bilancio 2020.

In una nota la società sottolinea che “nell’accordo firmato con Invitalia il 10 dicembre 2020 è espressamente previsto che l’approvazione del bilancio 2020 non richiede il voto favorevole di Invitalia o dei consiglieri da essa designati; l’approvazione del bilancio 2020 da parte del consiglio di amministrazione è in attesa della sentenza del Consiglio di Stato, che si esprimerà sull’appello proposto contro l’ordinanza del Sindaco di Taranto di febbraio 2020; i dati riportati da alcuni mezzi d’informazione su alcune poste di bilancio 2020, relativi in particolare al debito verso fornitori, sono privi di ogni fondamento“.

Acciaierie d’Italia ribadisce infine “di avere sempre goduto di una posizione finanziaria netta largamente positiva, anche alla data di scadenza del bilancio 2020″.

(leggi tutti gli articoli sull’Ilva https://www.corriereditaranto.it/?s=ilva&submit=Go)

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

2 Commenti a: Ex Ilva, Acciaierie d’Italia fa chiarezza su bilancio 2020

  1. Biagio De Marzo

    Giugno 4th, 2021

    Sembra un messaggio in codice: c’è qualcuno che lo decodifica e lo renda comprensibile a tutti? In alternativa, CORRIERE DI TARANTO potrebbe intervistare l’ad. Morselli o chi per lei. Insomma, l’eventuale “rosso” del bilancio 2020 chi se lo piange?

    Rispondi
  2. Biagio De Marzo

    Giugno 4th, 2021

    Sembra un messaggio in codice: c’è qualcuno che lo decodifica e lo renda comprensibile a tutti? In alternativa, CORRIERE DI TARANTO potrebbe intervistare l’ad. Morselli o chi per lei. Insomma, l’eventuale “rosso” del bilancio 2020 chi se lo piange?

    Rispondi

Commenta

  • (non verrà pubblicata)