Estate 2021, Puglia in pole position

 

Richiesti, frequentati. La Puglia, a cercarla su internet, sembra la meta ideale per sub, camperisti, speleologi, bikers e ballerini. Pronta per essere “scoperta”, pronta a farci “innamorare” e raggiunta perfino da Italo
pubblicato il 30 Maggio 2021, 08:00
4 mins

In Puglia, parlando d’estate, è previsto il boom. In attesa dei matrimoni eccellenti, tra quelli annunciati c’è Brooklyn Beckham, figlio dell’ex Spice Girls e del padre David e Bernard Arnault, il secondo uomo più ricco al mondo, le agende di albergatori e ristoratori si riempiono di prenotazioni.

Lo dicono i numeri, certificati da un’indagine realizzata a metà maggio da Demoskopika in collaborazione con l’Università del Sannio, confermati dalle proiezioni di PugliaPromozione, ente di promozione turistica della Regione, oltre alle associazioni di categoria del settore dell’accoglienza pugliese.

Sono 1,9 milioni gli arrivi previsti e 10,6 milioni le presenze stimate. Indicatori che, se raffrontati col 2020, garantiscono alla regione un risultato del più 47,5 per cento.

Gli indici Covid in calo, conseguenti alla campagna vaccinale che procede spedita, ha consentito questa spinta propulsiva, dopo la doccia fredda del risicato programma di riaperture. Preventivi e prenotazioni, tornando alla Puglia, palano chiaro. Se a giugno si registra già in media una percentuale di occupazione maggiore rispetto allo scorso anno, luglio e agosto saranno da tutto esaurito.

Secondo Airbnb, piattaforma online specializzata negli affitti brevi, regine delle destinazioni dovrebbero essere Gallipoli e Porto Cesareo. Previsioni che concordano con quella del Sindacato italiano balneari, secondo la quale quest’anno i 2mila 500 lidi pugliesi potrebbero incamerare introiti per 200 milioni di euro.

Vaccinazioni e Green Pass Ue, garantiscono anche le presenze dei turisti europei, stimati in 28 milioni durante l’estate prima della pandemia. È quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati di Bankitalia.

Un successo annunciato, con un solo neo: i richiami vaccinali. Un’incognita è rappresentata dalla seconda dose che cadrà in piena estate, per migliaia gli italiani, con la seconda o terza settimana di luglio. In pieno periodo di villeggiatura, il rischio è che le imprese turistiche finiscano per essere penalizzate dal vincolo del richiamo. Per questo associazioni di categoria e Regioni insistono sull’ipotesi di vaccinazione dei turisti in vacanza.

Sul punto la trattativa con il governo sembra procedere su questo binario. Al momento, sono due le ipotesi al vaglio della Commissione Sanità della Conferenza delle Regioni e dell’Esecutivo di Mario Draghi e sembra apprezzata anche dal Generale Figliuolo, commissario all’emergenza: seconda dose fuori regione garantita solo in caso di soggiorni lunghi, oppure, richiamo in vacanza anche per le ferie brevi.

Attese, aspettative. Ma anche programmazione. C’è una forte spinta da parte del settore sulla Regione a stringere i tempi della promozione del marchio Puglia e della programmazione di cartelloni di appuntamenti ed eventi da realizzare in sicurezza, con date e regole certe. Bandiere blu, centri storici e città d’arte restano lo sfondo ideale per qualsiasi vacanza da sogno, se possono completarsi con la musica, l’intrattenimento e gli spettacoli che certamente non possono essere lasciati all’improvvisazione.

Richiesti, frequentati. La Puglia, a cercarla su internet, sembra la meta ideale per sub, camperisti, speleologi, bikers e ballerini. Pronta per essere “scoperta”, pronta a farci “innamorare”, ora raggiunta perfino da Italo.

L’ombelico del mondo, la Mecca del divertimento. Tutto il mondo verrà in Puglia a divertirsi, tutti. Diciamo, non proprio tutti. Sono appena state pubblicate dal Miur, a conclusione delle attività di verifica sull’ammissibilità delle candidature per il Piano scuola estate 2021, le graduatorie provvisorie su base regionale.

In Puglia gli istituti ammessi saranno 480. Primo classificato l’Istituto Comprensivo “Ungaretti-Madre Teresa di Calcutta. Il dirigente scolastico Michele Gramazio ha commentato evidenziando con soddisfazione “il lavoro di squadra e la determinazione dei nostri docenti nel voler offrire ai nostri alunni concrete possibilità di reinserimento nella vita scolastica”.

“Richiesti”, “frequentati”, “vaccinati”, “certificati” e “reinseriti”. Che estate, in Puglia.

Condividi:
Share
Nato il 10 Agosto 1976. Laureato in Sociologia nel 2003 anno in cui comincia a collaborare con la casa editrice Ink Line. Dal 2008 iscritto all’Ordine dei Giornalisti. Ha collaborato con il mensile Ribalta di Puglia, il quotidiano Taranto Oggi, il periodico N.B. Nota Bene e l’agenzia stampa Italia Media per i siti web Sportevai e Basilic. Nel 2009 ha diretto il mensile Pugliamag e dal 2015 il sito web Place2beMag. Nel 2014 ha scritto (Con)testi da incubo, tre monologhi sul tema della violenza di genere e andato in scena anche nel Novembre 2015 in occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne.

Articolo Precedente

CJ, è tempo di semifinali

Articolo Successivo

Dicono di Benny

Commenta

  • (non verrà pubblicata)