Tanti in Concattedrale a ‘tifare’ per Ninni

 

pubblicato il 25 Maggio 2021, 17:36
2 mins

“Il 24 maggio alle ore 19.15 siete tutti invitati in Concattedrale a ‘tifare’ per la salvezza dell’anima del nostro amato Ninni Cannella”. Così la famiglia Cannella, attraverso manifesti e social, ha invitato amici ed estimatori a unirsi in preghiera nella messa in suffragio del collega, deceduto a 61 anni il 16 aprile per il Covid-19.
E ad accogliere l’invito lunedì sera sono stati davvero in tanti, così da occupare in breve tempo tutti i banchi (con i limiti imposti dall’emergenza sanitaria) del pur ampio tempio.
In prima fila c’era la rosa al completo dei calciatori del San Severo Calcio, accompagnati dai dirigenti, di cui Ninni Cannella era direttore generale. Né mancavano le calciatrici del Real Statte, in cui la figlia, Giorgia, militava come portiere. Inaspettata è la stata la presenza della dottoressa Roberta Cipriano, giovanissimo medico del policlinico di Bari e appartenente al gruppo facebook #terapiedomiciliaricovid19” che, talvolta anche a domicilio, ha curato la famiglia dal temibile virus (Ninni, ricoverato in ospedale, ha invece dovuto soccombere, purtroppo). Ormai come una di famiglia, la dottoressa Cipriano durante la funzione non ha mancato di confortare le figlie Simona e soprattutto Giorgia, che nel saluto finale ha ripercorso i momenti più significativi vissuti col papà, il cui ritratto, adornato dalle magliette del San Severo, del Real Statte e dell’Associazione italiana arbitri, campeggiava davanti al presbiterio.
A celebrare la santa messa sono stati il parroco, don Ciro Marcello Alabrese, il suo vicario don Davide Quatraro e don Giuseppe D’Alessandro, già parroco della Concattedrale. Hanno accompagnato la funzione i canti eseguiti dal gruppo Taranto 18.
Al termine la consorte, Patrizia, ha ringraziato gli intervenuti e soprattutto quanti hanno accompagnato la sua famiglia nel calvario della malattia, a partire dalla dottoressa Cipriano e dalle titolari delle farmacie Quaranta e Grimaldi, che hanno assicurato massima tempestività nella fornitura delle medicine e soprattutto delle bombole d’ossigeno.

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)