Parodi e Diaz, la firma sulla promozione

 

Taranto anche in gara 3 dimostra di essere più forte di Brescia
pubblicato il 19 Maggio 2021, 22:46
5 mins

La Prisma Taranto si conquista meritatamente la Superlega battendo in gara 3 un coriaceo Brescia per 3-1. Vince la squadra più forte, più completa, più abituata mentalmente a gare ad alta tensione. E’ la terza promozione di Taranto, nella sua storia, nel massimo campionato di pallavolo italiano, il torneo più competitivo al mondo. Il tris del 2021 giunge dopo i successi del 2000 e del 2006 ed ha come artefici tre persone che c’erano anche allora: Tonio Bongiovanni, Elisabetta Zelatore e Vincenzo Di Pinto (cinque le promozioni in A/1 in carriera per il tecnico di Turi, 3 con Taranto e 2 con Gioia del Colle).

LA PARTITA

Taranto mette subito le cose in chiaro. Battuta-muro aggressivi dalle prime azioni, Brescia che non riesce a respirare. Coscione e compagni sono molto concentrati e non sentono per nulla la pressione che tutti dicono sia sulle loro spalle. Il capitano rossoblù è il motore del gioco e distribuisce palloni che è un piacere. Nel primo set il primo strappo a favore di Taranto arriva sul 3-3 quando piazza un break di 4-0 (7-3) con Parodi gran protagonista. Il vantaggio aumenta (8-4). Brescia prova a riavvicinarsi (9-8, 11-10) ma viene immediatamente ricacciato indietro. Parodi fa 16-11 la Prisma prende il largo e sale anche a +6 (18-12). Il parziale si chiude nel segno di Diaz che mette a terra la palla del 25-15. Troppo falloso Brescia (11 errori concessi).

Il secondo parziale ricalca l’andamento del primo con Taranto che da 3-3 si porta 7-3. Parodi delizia la platea in diretta YouTube con dei colpi da autentico fuoriclasse (sarà lui l’MVP della finale, premiato a fine gara). Brescia, sebbene non riesca trovare continuità di gioco, arriva al pareggio 13-13 ma Taranto riallunga (16-13 con ace di Gironi). Anche in questo caso la squadra jonica accelera quando ci si avvicina alla seconda metà del set (20-16 muro di Gironi su Cisolla).  Il set viene chiuso da un ace di Gironi (25-20).

Nel terzo set Brescia ha un moto di orgoglio. Non vuole uscire dalla serie senza aver lottato sino alla fine. Finalmente riesce a trovare battuta e muro, quelli che erano stati sino ad allora i fondamentali decisivi per Taranto. Il primo allungo arriva sul 6-9. Taranto però reagisce e pareggia (9-9). La partita è bella ed equilibrata, combattuta in campo e sulle due panchine a colpi di cambi e time-out. Brescia prova a rifuggire (14-17 ace di Galliani su Gironi). Coach Di Pinto quindi per rinforzare la ricezione inserisce Fiore per Gironi. Proprio lo schiacciatore tarantino entra bene nel match con un muro su Galliani (17-18) ed un attacco vincente (18-19). L’equilibrio resta sino al 20-21 poi due errori punto consecutivi in attacco (uno di Parodi ed uno di Diaz) più un attacco vincente di Galliani e Brescia arriva a 20-24 e poi si porta a casa il set.

Il quarto set è vibrante. Taranto va sul 5-2. Brescia pareggia 7-7. Prisma Volley nuovamente avanti di tre (10-7). I rossoblù sono sul pezzo e non mollano la presa. Parodi si prende la scena con due attacchi mostruosi da posto 4 che regalano il 13-9.  Brescia non ci sta. Cisolla, l’eterno campione, non vuole arrendersi ed è protagonista del 16-16 e del 18-18. Gara in equilibrio, punto a punto e si arriva al 21-21. Di Pinto vuole maggiore incisività su palla alta e rimette in campo Gironi per Fiore. Il ventunenne schiacciatore milanese ripaga con il punto del 22-21. Seguono un ace di Diaz (23-21) ed un attacco vincente sempre di Gironi (24-21). Diaz sbaglia la battuta(24-22) ma poi entra nella storia del club rossoblù timbrando il punto della promozione in Superlega (25-22).

Tabellino

Progressione set:25-15,25-20,21-25,25-22

Durata incontro: 105 minuti

Prisma Taranto : Coscione 1, Diaz 22, Alletti 9, Di Martino 9, Parodi 15,  Gironi 8, Goi (libero 63% ricezione perfetta),Cottarelli, Fiore 4,  Persoglia ne, Presta ne, Cascio ne, Cominetti , Hoffer ne .All. Di Pinto

Muri Vincenti 12 (4 Diaz), Ace 5, Battute Sbagliate 16, Errori in attacco 4 – Attacco 50%, ricezione positiva 68%( perfetta 43%).

Brescia: Tiberti 1, Bisi 15, Esposito 6, Candeli 7, Galliani 18, Cisolla 10, Franzoni (libero ricezione 18% perfetta), Orlando ne, Cogliati, Tasholli 1, Crosatti ne, Bergoli, Tonoli ne, Ghirardi ne.All. Zambonardi

Muri Vincenti 5, Ace 4, Battute Sbagliate 18, Errori attacco 8, Attacco 46%, ricezione positiva 61% (perfetta 25%)

Arbitri: Spinnicchia e Talento

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)