Il mercato, l’umanità

 

Frammenti di chiacchiere, discorsi, vite
pubblicato il 16 Maggio 2021, 13:36
4 mins

Frutta e verdura. Carne e pesce. Uova, pesci rossi e olive. Pane e salumi. Sigarette di contrabbando. Pigiami e spezie. La solita confusione. Le solite facce. Colore e squallore.

Ai banchi si scherza più del solito, in questa settimana, soprattutto se, dei quattro vicini, tre sono interisti e uno è juventino.

“No’ tenìte chiù nu’ turnise! Avìte chiatràte!”.
“Ma statte citte, ca ‘u cenìse ha sciute a’cchià ‘a squadre sule pe ve luà doje menzìlate”.
“’A Superleghe.. ve stè vennite… state c’u cule all’arie”. Il tono della voce è alto, sembrano seri, accaniti, ma se la ridono, un po’ recitano. In fondo, non gliene frena niente.

L’Umanità si presenta nella forma di un anzianissima signora, che va incontro, in quel lato del mercato, alle uniche bancarelle chiuse per Covid.

I “colleghi” intorno non ridono più. Di colpo. E di colpo smettono di parlare. E’ sola. Gli “amici” intorno ai banchi vuoti la conoscono già. Ma lei non se n’è mai accorta. Come quegli anziani che attraversano senza aver guardato la strada, come se non ci fosse nessuno oltre loro.

La tristezza non si può nascondere con mascherina se riesce a farsi largo dagli occhi: “Manghe stamatìne honne venute le peccinne mije. Ma jè possibile? Jè chiù de ‘nu mèse ca manghene, picce no’nge avènene?”.

Si avvicina lo juventino. Sembra farsi piccolo piccolo quando dice: Signò’ ve l’hamme ditte già. Nguarche giurne de pacienze , no’ stonne angore bbuène, ‘a mazzàte l’honne pigghiate forte”.

Madonna meje. L’hagghie viste crèscere, sciucàvene ind’a’u larie cu’ le figghie mie. Quann’à venute ‘a pandemie je ‘u decève sembre: mettìteve ‘a mascarìne, mettìteve ‘a mascarine. Ma lore nijnde, no ne vulevene ‘nguèrpe… ma dimme ‘a veretàte, me stè cunde ‘a veretate? A ccume stonne?

“Ma pare a te ca te putìme dìscere na’ buscije?”. L’interista. “Statte tranquille, aspiette nguarche otre giurne. Pe meje, ‘a sumàne c’avène stonn’aqquà. Lunedije, a’u masseme martedije. Ma mò, statt’a ccase, abbàde a te, nonne. Tiene già ‘na certe età. No jè peccate ca t’ammale pure tune?”.

“Ije, l’anne mie l’hagghie fatte. Vuje siète giùvene. A vuje hamma penzà. Ma m’a dìscere ‘a veretàte, accume stonne? ‘A stessa cose me l’avìte ditte ‘a sumàna passate, no t’arrecorde chiù?”.

“Signò, pe’ favore, hamm’a fatijà. No’ ve pegghiate velène, honn’a turnà, prime o poje”.

“Ce vole Ddije, ije torne pescrè’. Cu’ ‘a speranze…”. Si gira, continuando da sola la frase, piano, lasciandosi spingere per restare in piedi, nei passaggi tra le bancarelle sempre troppo affollati. Poi una, due, tre teste basse, “sulla” frutta. L’altra girata da un’altra parte.

“Manuè, mene mò, no ffà accussì. L’aviv’a dìscere ‘a buscìe, M’accome avìv’a’ ffa’, cu’ ccè curagge l’hamm’a dìscere? Manuè, mena mò’, no’ ffà accussì, m’a dìscere ‘a veretàde, manghe quanne hamme vengiùte l’ùrteme scudette he chiangiute accussì…Manuè, mena mò”.

Condividi:
Share
Nato il 10 Agosto 1976. Laureato in Sociologia nel 2003 anno in cui comincia a collaborare con la casa editrice Ink Line. Dal 2008 iscritto all’Ordine dei Giornalisti. Ha collaborato con il mensile Ribalta di Puglia, il quotidiano Taranto Oggi, il periodico N.B. Nota Bene e l’agenzia stampa Italia Media per i siti web Sportevai e Basilic. Nel 2009 ha diretto il mensile Pugliamag e dal 2015 il sito web Place2beMag. Nel 2014 ha scritto (Con)testi da incubo, tre monologhi sul tema della violenza di genere e andato in scena anche nel Novembre 2015 in occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne.

Commenta

  • (non verrà pubblicata)