San Cataldo, finale fra musiche e immagini

 

pubblicato il 09 Maggio 2021, 20:13
2 mins

La conclusione dei festeggiamenti patronali in onore di San Cataldo non avverrà con i tradizionali fuochi artificiali. Ma uguali emozioni, alla stregua dei rosoni pirotecnici che si accendono nel cielo stellato, saranno assicurate dalle musiche che verranno eseguite della Grande Orchestra di Fiati “Santa Cecilia” di Taranto, diretta dal maestro Giuseppe Gregucci. L’appuntamento è per lunedì 10 alle ore 20.30 e sarà trasmesso in streaming sulla pagina Facebook Basilica Cattedrale San Cataldo, sul Canale Youtube Arcidiocesi di Taranto, su Studio 100 Tv e su Antenna Sud 85.

Per le norme anti-covid non è stato infatti possibile assicurare l’esibizione in piazza, ma solo senza pubblico e all’interno della chiesa più antica di Puglia, che da qualche giorno sta celebrando il 950.mo anniversario della ricostruzione, dopo che i saraceni la rasero al suolo. In tale circostanza, com’è noto, furono rinvenute nella attuale zona del Battistero le spoglie del Santo Patrono, identificate grazie alla crocetta aurea.

Si tratta di un evento che si annuncia memorabile in quanto la musica si combinerà con le splendide immagini della basilica e della città attraverso spettacolari inquadrature.

Il concerto, dal titolo “Inno a San Cataldo”, è stato fortemente voluto dall’amministrazione comunale, attraverso il vice sindaco e assessore alla cultura Fabiano Marti, e dal parroco della basilica cattedrale mons. Emanuele Ferro.

Con la partecipazione del soprano Daniela Abbà e del tenore Cataldo Caputo, si ascolteranno musiche di Verdi, Puccini, Grassi, Franck, Schubert, Lufrano e Gregucci, cui si deve l’inno del Giubileo “Soave 950”, eseguito per la prima volta venerdì 30 all’apertura della porta santa della basilica cattedrale e che già innumerevoli consensi ha riscosso grazie alla diretta video dell’evento.

Condividi:
Share

Articolo Precedente

Taranto che succede?

Commenta

  • (non verrà pubblicata)