Cose da pazzi

 

Frammenti di chiacchiere, discorsi, vite
pubblicato il 09 Maggio 2021, 08:05
3 mins

Barista – Potete entrare e consumare al banco!

Federico – “Siamo gialli” Pasquale. Mo’ putìme trase’ a pegghiarce ‘u cafè!

Pasquale – Eh…no’ vedève l’ore! Sai che ho pensato? Visto che siamo stati a casa a Natale, Pasqua, il 25 Aprile e il primo Maggio, porto mia moglie a mangiare fuori, per la festa della mamma.

F. – Ma sei pazzo? Ma come a’ fa’? E fatte tridece? Ce no me ‘mbrogghie, tu tìene ‘u rèddete de cittadenanze.

P. – E allore? Ma quanda crìde c’hagghia spennè? Quindece, vinte eure abbedune? Menù fisso: antipasto, primo, secondo, contorno, gelato e……

F. – ….e no’ jè megghie ca te le astipe chidde turnise? Lo sai che poi non arrivi a fine mese. E poi? Invece, in questi ultimi tre mesi non ti è mancato niente. E ‘u ste ssé piccè? Piccè nong’e scettàte le turnìse d’a fenèstre. Era tutto chiuso….

P. – Ma piccè ste dice accussì? Ste turnìse no’ so’ scettàte d’a fenèstre. Federi’, ma te ne’é accòrte di quanta negozie honne chiuse sulamende ind’ ‘a via Mazzini? Ma nonge le canusciè cchiù tutte l’amice nuestre ca fanne le cameriere e stonne a case da n’anne? E figghiete, pe sbaglie, ma no’ è une de chiste ?

F. – Ma io lo dicevo per te….

P. – ’U fazze penzanne ca jè cosa bone pe quidde crestiàne ca fatijene ind’a cucìne, ca servene a’u tàule e ca làvene le piatte addò voch’a mange. E ‘u penzière mie jè pe figghiete, Giulie, c’hagghie pegghiate ‘mbrazze, ca finalmende torne a fadià’.

F. – No, la tavola calda ha chiuso. Forse….a settembre.

Barista – Che prendete signori?

F. – Due caffè….anzi due espressini…e due cornetti. Quant’è?

B. – Due euro e quaranta in tutto. Io sono rimasto sempre aperto. Faccio la “resistenza”, abbasso i prezzi. Aqquà stè addevendàme tutte pacce.

P. – Lasse sta’, Federiche, fazze ije, ecco due euro e cinquanta. Il resto mancia…

E finalmende ridene tutte e trè, davanti a un bancone.

Dedicato a un commerciante di 52 anni trovato impiccato nel sottoscala del suo bar, ieri, a Roma, in via Tiburtina.
Non era riuscito a riaprire la sua attività.

Condividi:
Share
Nato il 10 Agosto 1976. Laureato in Sociologia nel 2003 anno in cui comincia a collaborare con la casa editrice Ink Line. Dal 2008 iscritto all’Ordine dei Giornalisti. Ha collaborato con il mensile Ribalta di Puglia, il quotidiano Taranto Oggi, il periodico N.B. Nota Bene e l’agenzia stampa Italia Media per i siti web Sportevai e Basilic. Nel 2009 ha diretto il mensile Pugliamag e dal 2015 il sito web Place2beMag. Nel 2014 ha scritto (Con)testi da incubo, tre monologhi sul tema della violenza di genere e andato in scena anche nel Novembre 2015 in occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne.

Commenta

  • (non verrà pubblicata)