Danni alle auto in sosta: 50enne denunciato

 

pubblicato il 06 Maggio 2021, 15:10
2 mins

A Taranto, questa notte il personale della Squadra Volante, transitando in via Acclavio, ha notato un uomo vestito di scuro, con un piccolo zaino sulle spalle, che si aggirava furtivamente tra le auto in sosta.

Insospettiti dall’atteggiamento, i poliziotti lo hanno fermato per scoprire che si trattava di un pregiudicato di 50 anni, con numerosissimi precedenti per furto, non ha saputo fornire una convincente spiegazione sul motivo della sua presenza e, soprattutto, sul motivo per il quale si aggirasse tra le auto parcheggiate.

Nel corso del controllo gli agenti hanno ispezionato il suo zainetto, recuperando, oltre ad alcuni effetti personali, anche una serie di chiavi multiuso, un set di chiavistelli esagonali e una sfera in metallo raffigurante il globo color bronzo del diametro di 6 centimetri circa; i primi attrezzi abitualmente utilizzati per aprire le serrature delle auto in sosta, l’ultimo usato per infrangere i finestrini delle autovetture.

Il 50enne è stato accompagnato negli Uffici del Commissariato Sezionale Borgo e, dopo le formalità di rito, denunciato in stato di libertà per possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso.
Nel corso della scorsa notte e di quella precedente si sono verificati numerosi episodi di danneggiamento ai danni di autovetture parcheggiate nella zona centrale del Capoluogo.

L’ingiustificata presenza del soggetto denunciato intorno alle ore 1,30 in via Acclavio, nei pressi dei luoghi in cui stanotte si sono verificati vari danneggiamenti ad autovetture, il comportamento dell’uomo che è stato sorpreso ad aggirarsi con fare sospetto tra le auto in sosta ed il possesso di arnesi atti allo scasso, tra i quali una sfera in metallo, abitualmente utilizzata, come detto, proprio per infrangere i finestrini delle auto, fanno sospettare che il 50enne possa essere il responsabile di quei danneggiamenti.

Il personale dell’U.P.G.S.P. e della Squadra Mobile stanno provvedendo a recuperare le immagini di sistemi di video sorveglianza presenti nella zona, per avvalorare le ipotesi investigative.

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)