Spazioporto: ‘Approdo’ di eventi a Porta Napoli

 

Ad un anno dall'inaugurazione Spazioporto propone 'Approdo' un articolato programma di eventi che andranno avanti fino alla prossima primavera, superando la zona arancione. Intanto a breve novità sul Cinzella Festival, ma il concerto degli Idle slitta all'anno prossimo.
pubblicato il 03 Maggio 2021, 18:07
8 mins

È una strada decisamente decisamente in salita quella degli operatori dello spettacolo da un anno a questa parte e a volte sembra  che si trovino a che fare con la tela di Penelope, perché appena cercano di organizzare qualsiasi manifestazione il termometro del covid può azzerare tutti gli sforzi per colpa di un colore. Spazioporto dalla sua postazione radio On Air rompe gli indugi con tutti i ma e i se di questo periodo, perché il cantiere freme e gli appuntamenti incalzano.

L’associazione Afo6 ha approntato il cartellone Approdo (vincendo il bando “Custodiamo la Cultura in Puglia 2021” sotto l’egida del Fondo per lo sviluppo e la Coesione, l’Unione Europea, la Regione Puglia, Assessorato Industria Turistica e Culturale e “PiiiL Cultura in Puglia) e tenendo fede a tutti i principi dai quali ha preso le mosse, ormai da un anno e anche più, il cartellone si riempie delle forme delle arti varie che vogliono promuovere e supportare, utilizzando diversi media.

Con non poca fatica telematica il progetto è stato presentato in streaming da Giovanni Raimondi e Michele Riondino coinvolgendo altri attori istituzionali che ruotano intorno a tutti i progetti.

Comune di Taranto, Regione Puglia e Apulia Film Commission stanno facendo spiegare le vele alle idee che nascono in zona Porta Napoli, ma che possono essere lanciate anche a livello comunitario, perché questa esercitazione a presentare progetti regionali può diventare il trampolino di lancio per andare a sfruttare le risorse europee
e, step by step, gli enti confidano in questi investimenti di idee che partono da Taranto e che, per Taranto, lavorano dal punto di vista culturale per andare a bussare anche all’estero. Così come in ambiti strettamente economici è già accaduto, anche in quello culturale le porte potrebbero già schiudersi, l’attenzione pare ci sia, lo dicono l’assessore tarantino Fabrizio Manzulli e  il dirigente regionale Mauro Paolo Bruno, collegati in video conferenza.

Ma intanto in attesa di un bollino giallo che può essere salvifico per il settore della cultura e dello spettacolo il programma Approdi ho avuto già un suo start e si proietta per i mesi a seguire con la assicurazione regionale che gli appuntamenti programmati e non realizzati a causa della pandemia da covid possano essere slittati anche nel corso del prossimo anno con una proroga dovuta, visto che non voluta.

La hub tarantina, che insiste in un quartiere che dà forti segni di risveglio culturale, mantiene alto il suo progetto, ha dato e sta per dare supporto a nuove produzioni cinematografiche per set in loco, ha approntato gli spazi per un corso di make up artist e si sta organizzando per altri corsi per tutte le maestranze necessarie per ogni set; ha già ospitato, Luca de Gennaro, che ha trasmissione per una settimana da Taranto su Radio Capital.

Ma per andare On Air è già pronto Franzi Baroni e la sua storica Starsonia in formato digitale. Dalla radio tv saranno lanciati appuntamenti fissi per coinvolgere in modo  biunivoco spettatori ed artisti, sia perché settimanalmente saranno annunciati gli appuntamenti della piattaforma multidiscipliare, sia perché attraverso ‘Soundcheck’ si faranno chiacchiere nel salotto virtuale con gli artisti che avranno completato proprio il soundcheck prima della loro esibizione live a Spazioporto.

Gli organizzatori snocciolano i vari punti di questo articolato approdo, non dimenticano l’anima di servizio per i lavoratori in difficoltà che troveranno spazio in Social club dove le realtà sociali potranno raccontarsi per affrontare le innumerevoli vertenze del territorio.

C’è poi il progetto Quanta gente porti? che porta alla memoria un sistema utilizzato da Tribute band ma anche da artisti affermati per misurare la propria popolarità in termini numerici ai concerti. Quindi gli artisti emergenti (che possono ancora iscriversi per essere eventualmente protagonisti) si racconteranno alla radio prima della loro esibizione live a Spazioporto. In agenda già dieci tra band e singoli cantanti.

La musica dal vivo rimane un obiettivo irrinunciabile, nonostante i vari rinvii dei concerti organizzati, per cui rimangono congelati quelli di Lucio Corsi, Paolo Begnù, Sick Tamburo, Giorgio Canali e Rosso Fuoco. Così come quelli di Nada, Motta e Calibro 35, per i quali si ritiene di trovare spazi più ampi per accogliere un numero maggiore di spettatori.

Dalla musica al teatro non può rimanere un sogno nel cassetto quello di uno spettacolo di successo che è in tournée da anni senza perdere smalto e che Afo6 ha programmato: Viaggio al termine della notte di e con Teo Teardo ed Elio Germano. E con lo stesso attore ‘Segnale d’allarme – La mia battaglia VR un’esperienza unica attraverso la Virtual Reality.

Uno schermo 3X8 metri attende invece gli spettatori di Cinecena, che in poltrona uniranno il piacere della tavola o di un bicchiere alla visione di di corti e film, una formula nuova per Taranto (leggermente diversa da Cinegusto che fu ospitata anni fa dal cinema Bellarmino, su idea della chef Valentina De Palma), ma di successo altrove e che permetterà chiacchiere di commento.

Approdo proporrà anche film musicali e monografie dedicate a Lynch e Bird, la rassegna multidisciplinare Ultracorpi con focus su Carpenter e Godzilla prevista per dicembre.

Insomma bisogna incrociare le dita e attendere il semaforo giallo e questo vale anche per il Cinzella Festival di cui si è fatto cenno a fine conferenza stampa, preannunciando a breve maggiori dettagli. Di certo è stato procrastinato di un anno il concerto degli Idle, per cui si dovrà attendere il 14 agosto 2022, la data è stata comunque bloccata, gli organizzatori non avevano voglia di rischiare di ridurre il numero degli spettatori con il rischio di ingressi a numero ridotto e a distanza, è una band coinvolgente e lo stanziamento avrebbe fatto perdere appeal all’evento. Chi ha già prenotato il biglietto potrà farselo rimborsare attraverso la stessa piattaforma o commutarlo per l’anno prossimo.

In ogni caso dal 10 al 15 agosto le Cave di Fantiano si animeranno di nuovo di musica e immagini.

In coda a questo elenco di eventi è stato annunciato quello più prossimo, sempre facendo gli scongiuri. Il 14 maggio è prevista l’inaugurazione la mostra fotografica dedicata a Cecilia Mangini, con la proiezione del film Due scatole dimenticate – un viaggio in Vietnam. Ingresso con ticket. L’evento potrebbe essere replicato il giorno seguente e questa sarebbe l’occasione di visitare Spazioporto.

Chiosa a questo profluvio di eventi: “Con la cultura si campa. Non si cazzeggia.”

FOTO: MAURIZIO GRECO

Condividi:
Share
Laureata in Lettere Moderne. Giornalista. Ha partecipato al Corso di Giornalismo dell'Ordine dei Giornalisti di Puglia. 2 figli. Ha lavorato per alcune emittenti televisive locali: Videolevante, Studio 100, Telerama, Jotv, Tele.5 (in qualità di direttore). Ha collaborato con Taranto Sera, Voce del Popolo, Paese Nuovo (allegato de L'Unità), Pigreco, Tarantoggi, Primaveraradio (circuito Popolare Network), Magazine (in qualità di direttore), Edili, Radiocittadella. Ha curato numerosi uffici stampa, tra cui il Comune di Lizzano e l'Associazione Musicale della Magna Grecia, Magna Grecia... il Premio (Provincia di Taranto), Crest, VIALIBERA. Ha condotti programmi televisivi e radiofonici.

Commenta

  • (non verrà pubblicata)