Cziekovski Superman-Alfageme zanzara

 

Le pagelle del lunedì
pubblicato il 03 Maggio 2021, 09:29
4 mins

La politica dei piccoli passi è quella che il Taranto sta osservando nelle ultime settimane. E quindi laddove non ci sono le forze – più che altro fisiche (la squadra è parsa sulle gambe) meglio non rischiare, meglio accontentarsi del punto. D’altro canto a sei giornate dal termine, il vantaggio virtuale di 7 punti sul Picerno – che deve recuperare una gara in casa  ed unico superstite in grado di impensierlo nella lotta al primo posto –  è un vantaggio che può essere gestito con concentrazione ma senza grosse tensioni.

Ecco le pagelle di Andria – Taranto 1-1 :

CZIEKOWSKI 7,5: cinque parate salva risultato di cui due (una nel primo tempo su sinistro angolato di Manzo ed una nel tempo di recupero della ripresa su staffilata di destro di Benvenga) veramente prodigiose come le gesta di un super eroe dei fumetti. E’ lui il migliore in campo anche se sulla rete subìta si inarca con un pizzico di ritardo per cercare di intercettare il colpo di testa di Prinari.

BOCCIA 6: partita diligente.

RIZZO 6,5: gioca di anticipo sugli attaccanti avversari e poi in area di rigore le palle alte sono tutte sue.

GUASTAMACCHIA 5,5: disputa, come di consueto, una buona partita ma si perde l’avversario nell’occasione del pari andriese.

FERRARA 6: non ancora la top della forma ma sempre tanta roba rispetto alla sua età anagrafica.

MASTROMONACO 5,5: è in giornata. Molto vivace ed intraprendente sulla fascia destra, però si fa espellere ingenuamente lasciando pericolosamente in inferiorità numerica la sua squadra, con ancora dieci minuti di gara da disputare.

MARSILI 5,5: anche lui non al top della forma e nella ripresa, quando l’Andria prende il possesso del centrocampo, non riesce più a mettere ordine come di consueto e perde qualche contrasto in più.

TISSONE 6: suo l’assist perfetto per il gol di Alfageme. Nella ripresa cala come tutta la squadra e dato che non ha il passo dei centrocampisti avversari è costretto spesso al fallo tra la metà campo e la propria trequarti.

CORVINO 5: schierato come esterno di centrocampo nel 4-4-2 si perde perché non pare avvezzo alla doppia fase. Davvero poco presente nel match se non nell’occasione che ha al minuto 52 (dal 63’ GUAITA 5: contributo alla causa impalpabile).

DIAZ 5,5: niente di nuovo sotto questo cielo. Solito prezioso contributo tattico in fase di non possesso ma mai visto nell’area avversaria (dal 58’ N.RIZZO 5: non pervenuto).

ALFAGEME 7: entra nel match con una carica impressionante. Fastidioso, sul possesso palla avversario, come una zanzara. Fa reparto da solo: segna un gol da attaccante vero e fornisce un assist a Corvino per il raddoppio, poi mancato dal compagno di squadra. Purtoppo per il Taranto non ha i novanta minuti nelle gambe (dal 57’CORADO S.V.: bentornato) – (dal 83’MATUTE S.V.).

 

LATERZA 6 : la squadra è in chiaro debito di ossigeno, però fin quando Alfageme è in campo conserva una certa pericolosità offensiva. Uscito l’argentino non c’è verso di arrivare in area di rigore avversaria. Troppi giocatori reduci da piccoli e grandi infortuni (Boccia, Ferrara, Marsili, Corvino, Alfageme, Corado) più due assenze (Santarpia e Falcone) incidono sulla gestione dei cambi. Forse, però, sarebbe stato il caso di irrobustire prima il centrocampo con uno tra Diaby e Matute, elementi in grado di garantire peso e dinamismo per arrivare prima sulle cosiddette seconde palle.

Condividi:
Share

3 Commenti a: Cziekovski Superman-Alfageme zanzara

  1. Vincenzo

    Maggio 3rd, 2021

    Vi raccomando quel pseudo giocatore, entrato al verso il sessantesimo e (meno male) uscito poco dopo per manifesta inferiorità, dopo aver partecipato anche lui al gol del pareggio dell’Andria. Altro che bentornato io direi buon riposo. Grazie e saluti e sempre forza Taranto.

    Rispondi
  2. Vincenzo

    Maggio 3rd, 2021

    Vi raccomando quel pseudo giocatore, entrato verso il sessantesimo e (meno male) uscito poco dopo per manifesta inferiorità, dopo aver partecipato anche lui al gol del pareggio dell’Andria. Altro che bentornato io direi buon riposo. Grazie e saluti e sempre forza Taranto.

    Rispondi
  3. Salvatore

    Maggio 4th, 2021

    Forza ragazzi, un altro piccolo sforzo, senza perdere il senso della realtà, ed usciremo dal fango della serie D che non appartiene a Taranto ed ai tarantini. Poi, l’anno prossimo, se la natura e la scienza vorranno, se ci fosse un Dio non ci sarebbero centinaia di migliaia di morti e non ci sarebbe stato Auschvitz, potremo ritornare, come io faccio da 50 anni, a gridare forza Taranto da dove è più bello e sportivo. Perché ho fatto l’inciso “senza perdere il senso della realtà”, perché nello sport bisogna combattere sino all’ultimo, perché nulla è stato già fatto, perché il Picerno è alle nostre spalle e perché questo campionato balbettante può far succedere qualsiasi cosa. IL Presidente sta facendo il meglio, come lo stanno facendo Laterza & c., per questo: o ce la facciamo quest’anno o non ce la facciamo più … uecchie apirte!!!

    Rispondi

Commenta

  • (non verrà pubblicata)