Città Vecchia, al via il secondo bando per le “Case a 1 euro”

 

A bando nove immobili attualmente murati, che si candidano a tornare alla vita.
pubblicato il 22 Aprile 2021, 22:33
4 mins

Parte la seconda fase del progetto “Case a 1 euro” del Comune di Taranto. Si tratta di un bando pubblico con il quale l’Amministrazione Comunale rende disponibili immobili attualmente di proprietà comunale ma sfitti e inutilizzati, per essere acquisiti da soggetti privati al costo simbolico di un euro con l’obbligo di ristrutturarli e renderli nuovamente funzionanti.

I nove immobili

Dopo l’assegnazione degli immobili facenti parte del primo bando è arrivato il momento di altri nove immobili. Il nuovo bando (che riportiamo integralmente in coda all’articolo) li elenca in maniera dettagliata:

  • fabbricato Vico Secondo Santi Medici in catasto al foglio 319, particella 602, subalterni 1, 2, 3 e 4;
  • fabbricato Via G. Garibaldi ang. Vico Schinaia, in catasto al foglio 319, particella 713, subalterni 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8 e 9;
  • fabbricato Arco San Giovanni, in catasto al foglio 319, particella 1586, subalterni 1 e 2;
  • fabbricato Via Pentite n. 22, in catasto al foglio 319, particella 887, subalterni 1, 2, 3, 4 e 5;
  • fabbricato Via Cava n. 10, in catasto al foglio 319, particella 758, subalterni 1, 2, 3, 4, 5 e 6;
  • fabbricato Largo San Nicola, in catasto al foglio 319, particella 748, subalterni 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9 e 10;
  • fabbricato Vico Trappeto, in catasto al foglio 319, particella 1117 subalterni 1, 3, 4 e 5;
  • fabbricato Vico Trappeto, in catasto al foglio 319, particella 1121, subalterni 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8 e 9;
  • fabbricato Via Duomo n. 233, in catasto al foglio 319, particella 1144, subalterni 1, 2, 3 e 5.

Come saranno assegnati?

Gli immobili saranno assegnati sulla base di una graduatoria dei progetti presentati, che sarà stilata in base a cinque indicatori:

  • ecosostenibilità (da 0 a 15 punti);
    • in base alla classe energetica del fabbricato dopo le ristrutturazioni
  • destinazione progettuale (da 0 a 10 punti);
    • 10 punti per gli immobili destinati ad abitazione, propria o in locazione.
    • 7 punti per gli immobili destinati ad attività ricettive.
    • 4 punti per gli immobili destinati ad attività commerciali/culturali/terziario.
    • 0 punti per tutte le altre destinazioni.
  • contratto di sponsorizzazione (da 0 a 10 punti);
    • in base all’importo speso dai proponenti per proposte di sponsorizzazione da utilizzare per incentivare l’interesse per l’Isola.
  • eventuale integrazione progetto con bene adiacente o immediatissime vicinanze (da 0 a 30 punti);
  • qualità progettuale (da 0 a 10 punti)
  • bonus completezza della documentazione di progetto (da 0 a 5 punti)

Lo spirito del progetto

L’idea guida, come si capisce leggendo i criteri di assegnazione del punteggio, è principalmente quella di incentivare il ripopolamento della Città Vecchia e solo secondariamente altro genere di attività. Va sottolineato che tutti gli immobili (di cui riportiamo le schede descrittive allegate al bando) sono attualmente murati e inaccessibili. La riqualificazione, dunque (che dovrà compiersi nel tempo massimo di un anno dal passaggio di proprietà), non sarà una mera operazione di lifting, ma dovrà davvero ridare vita a stabili che potrebbero rischiare, con altri anni di abbandono e incuria, l’abbattimento. Si tratta, dunque, di un tentativo di salvare un immenso patrimonio storico-architettonico prima che vada irrimediabilmente perduto. I prossimi mesi ci diranno quale sarà il grado di interesse suscitato da questo secondo bando, con la speranza che ne seguano ancora molti altri nell’immediato futuro.

Le schede dei nove immobili

Casea1euro 2

Il bando

SECONDOBANDOPUBBLICOCASEAUNEUROversionepubblicata

Il video-comunicato dell’Amministrazione

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)