Taranto sempre più in vetta

 

Vittorie esterna per 2-1 a Fasano. Gol decisivo di Matute
pubblicato il 18 Aprile 2021, 17:42
4 mins

Il Taranto espugna il Vito Curlo di Fasano per  2- 1, al termine di una delle partite più belle e combattute dell’intera stagione, merito anche dei padroni di casa che hanno giocato a viso aperto, senza tatticismi esasperati. La squadra rossoblù- senza Sposito, Dorado, Santarpia, Marsili, Ferrara e Alfageme – allunga ulteriormente in classifica sul Casarano (+9 punti)  mentre alle sue spalle cerca di tenere il passo avanzando al secondo posto la coppia Andria-Picerno (-8 dal Taranto).  Ma ormai è chiaro che solo il Taranto può non vincere questo campionato.

PRIMO TEMPO

Taccuino subito riempito al minuto 2: cross dalla destra di Mastromonaco e colpo di testa, in direzione secondo palo, di Diaz che termina sull’esterno della rete. Minuto 6: Tissone imbecca in area di rigore Mastromonaco che da posizione molto favorevole tira addosso al portiere in uscita. Ancora Tissone al minuto 12 prova un tiro da fuori area che impegna il portiere del Fasano.  Al minuto 19 si vedono i padroni di casa con un tiro velleitario dell’attaccante brasiliano Dambros. Al minuto 27 esce per infortunio Falcone ed entra al suo posto Nicolas Rizzo con il Taranto che passa dal 4-4-2 al 4-2-3-1.  Gli jonici impiegano una decina di minuti per assestarsi e  nel frattempo il Fasano sfiora il vantaggio in due occasioni: al minuto 32 con Dambros che pescato in area di rigore trova sulla sua strada un ottimo Cziekovski che gli ribatte il tiro ed al minuto 33 con ancora il portiere rossoblù protagonista di una splendida parata su rovesciata dalla lunetta del rigore di Dellino. Chiude la prima metà di gara uno spettacolare tiro di sinistro a giro, da fuori area, dell’argentino Rizzo che si stampa sul palo alla destra del portiere del Fasano.

SECONDO TEMPO

La seconda metà di gara si apre con il Taranto che passa subito in vantaggio: incursione sulla sinistra di Corvino che arriva palla al piede nell’area di rigore del Fasano e dopo un paio di dribbling viene steso da un difensore. Calcio di rigore battuto magistralmente dallo stesso ex Fasano che, infatti, non esulta. Al minuto 52’ ancora un paratona di Cziekovski che nega il pareggio a Dellino. Al minuto 61’ ci prova Dorval con un diagonale di sinistro che sfiora il palo. Al 65’ viene espulso il direttore sportivo del Taranto Montervino per doppio giallo. Il Fasano preme per il pari e mister Laterza non esita a togliere dal campo N.Rizzo, subentrato a sua volta a Falcone, per irrobustire il centrocampo con Matute e passare al 4-3-3. Al minuto 74 ancora Cziekovski protagonista con una parata di istinto su tiro a botta sicura nell’area piccola del neo-entrato Lopez. Il portiere polacco del Taranto nulla può, però, al minuto 77 di fronte alla conclusione a giro di sinistro da circa diciotto metri dell’argentino Lopez che pesca l’incrocio dei pali alla destra dell’estremo difensore jonico. Nemmeno due minuti ed il Taranto torna in vantaggio con Matute lesto a capitalizzare un cross in area di rigore di Mastromonaco dalla destra. Da questo momento in poi il Taranto difenderà con ordine il successo sino al minuto 97.

CONSIDERAZIONI FINALI

Vittoria importantissima che pone un mattone importante nella costruzione di un’impresa sportiva che piano piano si sta materializzando. Bravo e coraggioso mister Laterza nel cambio decisivo tra N.Rizzo e Matute, i quale segnerà il gol vittoria. Da rimarcare ancor di più il comportamento da grande professionista del centrocampista camerunense che con umiltà si è messo al servizio della sua squadra partendo quasi sempre dalla panchina; lui che giocherebbe titolare ovunque.

 

 

 

 

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)