Formazione lavoratori ex Ilva ancora in alto mare

 

I sindacati metalmeccanici critici dopo la riunione sul monitoraggio del percorso di formazione regionale per i lavoratori di ex Ilva in AS
pubblicato il 07 Aprile 2021, 18:45
6 mins

Si è svolta oggi la riunione in modalità videoconferenza con la Task force della regione Puglia per l’occupazione, convocata quest’oggi in merito al monitoraggio lavoratori ex ILVA in AS.

“Infatti è dal 2019 che attendiamo forme di politiche attive per questa famiglia professionale, che devono avere l’obbiettivo cardine di riqualificare le professionalità attive di ogni singolo lavoratore. Purtroppo oggi registriamo, ancora una volta, che i tempi di reazione della politica regionale (in misura di politiche attive) sono ancora intrappolate in lungaggini burocratiche, amministrative e politiche, in quanto Il catalogo formativo individuato appare, per quanto dichiarato dal Presidente della Task Force, in una fase di rimodulazione rispetto alla precedente edizione del 2019. Questa limitazione rappresenta per noi un elemento di fortissima incidenza negativa per tutti i lavoratori appartenenti ai bacini di crisi del Territorio – affermano Fim Fiom e Uilm -. Siamo, quindi, fortemente preoccupati perché gli oltre 1.600 lavoratori attualmente appartenenti al bacino di Ilva in Amministrazione Straordinaria, continuano a vivere una fase drammatica e incerta, soprattutto per le note vicende legate all’asset produttivo dell’ex Ilva. E’ giunto il tempo di fornire misure straordinarie, mai come adesso, legate alla riqualificazione delle professionalità ed all’accrescimento del bagaglio professionale dei lavoratori, che miri alla loro ricollocazione nel mondo del lavoro”.

Durante la riunione, dopo gli interventi da parte di FIM, FIOM e UILM, la Task force regionale, rappresentata dal presidente Leo Caroli, ha prospettato addirittura un possibile supporto dell’Organo regionale a sostegno delle rivendicazioni avanzate dalle che preveda la condivisione su due macro temi: “Implementazione di Politiche attive regionali (piano formativi di riqualificazione e sostegno al reddito), da noi richiesti; Progetto di articolazione nazionale da sottoporre al MISE, per lo stanziamento delle opportune risorse, per l’inserimento dei lavoratori di Ilva in A.S. in LPU (lavoratori per Pubblica Utiltà), proposti dalla Task Force. Per questo secondo punto abbiamo con vigore ribadito che le questioni vanno scisse secondo la rispettiva responsabilità, tra quanto in capo al MISE (trattativa AMI compresi lavoratori Ilva AS) e quanto in capo alla Task Force (Politiche attive del lavoro)”.

“A nostro giudizio, architettare anzitempo percorsi che vanno oltre le competenze della Task Force stessa (Accordo di programma – LPU) con proposte di Lavori di pubblica utilità da sottoporre al MISE, sarebbe azzardato, in quanto sancirebbe l’essere essere sordi e ciechi dinanzi alle oltre 60 vertenze in ambito territoriale, che continuano, purtroppo a produrre molte parole e pochi fatti oltre a non produrre sbocchi essenziali per nessuno, specialmente se a ragione vi è una platea infinita di oltre 1600 lavoratori” si legge in una nota unitaria delle organizzazioni sindacali dei metalmeccanici.

Per FIM, FIOM e UILM, “l’obbiettivo cardine è e resta la ricollocazione di questi lavoratori per quanto previsto dall’unico accordo in sede sindacale. Inoltre, le misure di sostegno al reddito per questi lavoratori da parte della Regione Puglia ed in riferimento all’offerta formativa, devono essere reattive e qualificanti nel rispetto della salvaguardia delle singole professionalità maturate da questi lavoratori, senza vertiginose articolazioni che differiscono dall’accordo del 6 settembre 2018. A tal proposito, piuttosto che i soliti slogan acchiappa consensi, ci aspettiamo da adesso e con immediatezza, una formulazione formativa in materia di Politiche attive regionali che non sia contraddittoria a quanto stabilito nei precedenti percorsi (ex avviso IV), per ciò che attiene i processi industriali e che abbraccino tutte le maestranze sospese in cassa integrazione guadagni a zero ore a seguito di tavoli di crisi nazionali e/o locali”.

“Preoccupa la mancata individuazione soprattutto per il sistema politiche attive di puglia poiché abbiamo appreso, a distanza di due anni, che siamo ancora in un contesto di un catalogo formativo (quello del 2019) in fase di rimodulazione dal punto di vista di risorse e di individuazione dei percorsi. E’ dal 2019 che inseguiamo politiche attive regionali per questi lavoratori (circa 1.600) e, con la riunione di oggi, oltre ai buoni propositi, scopriamo di essere di fatto ancora in una fase embrionale su piani formativi, pur comprendendo le limitazioni a causa dell’emergenza sanitaria in corso. I tempi di reazione della politica mai come oggi devono essere straordinarie e risolutive e, per questo proposito, dichiariamo la riunione odierna del tutto insoddisfacente in quanto priva di fatti concreti, sebbene si sia appreso di un aggiornamento del tavolo a 30 giorni da oggi” concludono Fim, Fiom e Uilm.

(leggi tutti gli articoli sull’Ilva https://www.corriereditaranto.it/?s=ilva&submit=Go)

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Un Commento a: Formazione lavoratori ex Ilva ancora in alto mare

Commenta

  • (non verrà pubblicata)