Intercultura: crowdfunding per un tarantino/a all’estero

 

pubblicato il 04 Aprile 2021, 07:52
5 mins

Ivan, Ilaria, Roberta, Daniele sono un gruppo di giovani tarantini che ha avuto l’idea di attivare un crowdfunding, una raccolta fondi, per finanziare una mobilità estiva per un
ragazzo o una ragazza tarantini, che potrà partire nell’estate 2022, dopo aver partecipato alle selezioni nazionali che si svolgeranno a novembre prossimo.

L’obiettivo è ambizioso, ma si sa, il sogno sta alla base di ogni progetto educativo e formativo.

Il valore aggiunto del progetto di cui parliamo è che questo gruppo di giovani, che lo ha ideato e lo sta realizzando, è costituito da ragazzi che hanno partecipato, in
passato, a programmi scolastici all’estero di Intercultura e, avendone sperimentato il positivo cambiamento portato nelle loro vite, hanno deciso di dedicare alla realizzazione degli obiettivi dell’Associazione parte del proprio tempo e, cosa importante, stanno facendo ricadere sul nostro territorio le competenze acquisite all’estero.

La maggior parte di loro sono professionisti che vivono e lavorano all’estero e, attraverso collegamenti online, riescono nei ritagli di tempo a trovare il modo e le energie per incontrarsi e per portare avanti tutta una serie di attività collaterali, incentivanti ai fini della raccolta stessa.

Ma in cosa consiste questo progetto? Attraverso la piattaforma GoFundMe, dal link https://gofund.me/99cb7117 , si possono, oltre a vedere le precedenti donazioni, fare le proprie. Le donazioni sono assolutamente libere, ognuno può partecipare secondo la propria sensibilità e nella misura che preferisce.

Tra le tante attività previste, le prossime in partenza sono: al 10 Aprile un corso di inglese per principianti e dal 12 Aprile una “Fitness challenge” (https://www.instagram.com/p/CM6hrS1BNQm/?igshid=41u9l6tlxwp8 ) …tutte iniziative a cui si potrà partecipare anche con una minima e libera donazione.

Naturalmente è possibile dalle pagine dei social del Centro Locale Intercultura Taranto esser sempre aggiornati sulle attività e farsi coinvolgere dal viaggio virtuale per il
mondo che il nostro “omino” James sta compiendo progressivamente grazie alle donazioni che riceve ( https://www.instagram.com/afs_intercultura_taranto / e
https://www.facebook.com/intercultura.taranto )

Che dire ancora per incuriosirvi e invitarvi a visitare la piattaforma e, soprattutto, a contribuire all’iniziativa? Che i nostri ragazzi potranno solo crescere più armonicamente e diventare migliori se gli consentiremo di fare questa esperienza e che, se i giovani diventano degli adulti migliori, tutta la comunità non può fare altro che beneficiarne…
che in un mondo globalizzato, fare esperienze interculturali è un modo per diventare cittadini più consapevoli e più capaci di cambiare la realtà (non dimentichiamo tra i
tanti esempi celebri, Samantha Cristoforetti e Luca Parmitano, che hanno partecipato ad un programma annuale Intercultura) Insomma, chiediamo a tutti di diventarne parte attiva, per contribuire a costruire un futuro migliore per noi e per i nostri figli!

Se poi ancora non si conosce Intercultura, c’è sempre modo per poterlo fare, ad iniziare da qui.

L ’ Associazione Intercultura , è stata fondata nel 1955 , è una ONLUS presente in Italia in 161 città. Nata per iniziativa di un gruppo di giovani che avevano vissuto​
esperienze interculturali all ’ estero, oggi Intercultura può contare su 5.000 volontari presenti su tutto il territorio nazionale. E’ presente in 65 Paesi nel mondo, promuove e finanzia programmi scolastici internazionali con la Mission di promuovere il dialogo interculturale e contribuire alla costruzione di una nuova educazione alla pace: ogni anno più di 2.200 studenti delle scuole superiori italiane trascorrono un periodo di studio all ’ estero e oltre 800 ragazzi da tutto il mondo vengono accolti nel nostro Paese. Dal suo esordio, Intercultura ha realizzato oltre 70.000 programmi di scambio.

Ci sarebbe certo molto altro da dire, ma invitiamo tutti ad informarsi meglio dal sito istituzionale www.intercultura.it e per chi ne voglia condividere i principi fondanti,
non esitare ad allargare i propri orizzonti ed ospitare uno/a studente/essa straniero  in casa propria o a diventarne volontario. Si può scrivere all’indirizzo:
[email protected] .

Una sola cosa preme sottolineare: tutti i volontari di Intercultura sono persone che con essa hanno avuto a che fare per esperienze dirette e che, in conseguenza di ciò,
hanno deciso di continuare ad offrire il loro tempo e i loro “talenti” per questa causa comune, in cui credono profondamente.

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)