Nonno libero

 

Frammenti di chiacchiere, discorsi, vite
pubblicato il 03 Aprile 2021, 17:53
3 mins

(Giovanni) – “Nu picche d’aine (agnello) se pote purtà? Nu’ m’arrecorde. A le tiembe nuestre, sine”.

(Lino) – “No’nge ‘u sacce. Amm’addumannà a Line. Jedde le vè jacchie a tutt’e doje”.

(Giovanni) – “Ma ce ste dice? Ind’a ‘stu periode, pe ‘stu ca.. de Covid, manghe le visite se ponne fa’. Sule pe telefone”.

(Lino) – “E allore, ‘u ste vide ca jè come te stoch’a diche je? Pe’ Pasche, l’amm’a ffa’ ‘nu pacche, quidde se po’ ffa… ‘A famigghie add’a rumanè’ unite, soprattutte ind’a ‘stu mumende”.

(Giovanni) – “No te stoch’a doche tuerte, Andonie, ma amm’addumannà per farle arrevà subbete. Sule nuje ‘u putime capì. Nuje e chidde ca s’honne acchiate accum’a nuje”.

(Lino) – “Quanda Natale, quanda Pasche, Quand’anne indre. Tutte le giurne so’ le stesse. Ma cu le feste, tutto cange. Ce tìne nguarchedune fore, te n’accuerge. Ce no’nge ‘u tiene, ind’a quidde giurne te pare d’essere angora cchiu sule”.

(Giovanni) – “Ma ‘a famigghia nostre no’nge ne faceve mangà’ nijnde”.

(Lino) – “Nijnde, Papà, zie Armande, zia Carmele ne faceven’arrevà tutte. Quidde buche parèva nu supermercate. L’arraijamiende cu le secundine!”.

(Giovanni) – “Tenemme pure ‘u core buène. Sotte pe’ sotte remanève pure nguarche cose pe’ quidde povere Criste ca no tenèvene nisciune. A quidde no ‘arrivave manghe ‘nu fazzelette, E mangiàvene inde ‘a mense tutte le giurne. Madonna meje”.

(Lino) – “E vide ca turname apprime, sinde ca te stoch’a dice. Quanne arrive ‘nu pacche, addà indre, t’accuerge ca ‘a famigghie stè penze a tteje. E capisce ce te volene buene o ce te volene male. Adda indre capisce tutte cose”.

(Giovanni) – “E loro ce l’ann’a ffa’, accome ce l’amme fatte nuje’. Ma ann’a sendè ca le stame apprisse”.

(Lino) – Ricapitoliamo. Allore. ‘A Colombe no sse po’ purtà’. L’aine, cotte, sine. Allora le mettime doje secce fritte, ‘a sazizza secche e ‘u casecavadde. E le manname pure le tute, do’ federe e le recareche p’u telefone, Mò facime accussì. Accattame tutte e mettimele già indre alle pacche, po’ Line sape accume addà fa per falle arrevà subete”.

(Giovanni) – “Peccè indr’a le pacche, no n’avaste une sule?”.

(Lino) – “Ma non ci ‘u sé? Ziàne e nepote stonne indr’a stessa celle”.

(Giovanni) – “Quande so’ belle!”.

 

(Ringrazio per la traduzione Angelo Diofano)

Condividi:
Share
Nato il 10 Agosto 1976. Laureato in Sociologia nel 2003 anno in cui comincia a collaborare con la casa editrice Ink Line. Dal 2008 iscritto all’Ordine dei Giornalisti. Ha collaborato con il mensile Ribalta di Puglia, il quotidiano Taranto Oggi, il periodico N.B. Nota Bene e l’agenzia stampa Italia Media per i siti web Sportevai e Basilic. Nel 2009 ha diretto il mensile Pugliamag e dal 2015 il sito web Place2beMag. Nel 2014 ha scritto (Con)testi da incubo, tre monologhi sul tema della violenza di genere e andato in scena anche nel Novembre 2015 in occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne.

Commenta

  • (non verrà pubblicata)