Asl Taranto: “Nessun caso Nefrologia a Manduria”

 

La direzione ASL risponde alle notizie sulla chiusura del reparto di Nefrologia presso il presidio ospedaliero di Manduria
pubblicato il 30 Marzo 2021, 18:14
58 secs

In riferimento agli articoli apparsi sui quotidiani locali negli ultimi giorni e riguardanti una “presunta” chiusura del reparto di Nefrologia del Presidio Ospedaliero di Manduria, la direzione strategica della ASL Taranto e la dottoressa Irene Pandiani, direttrice del presidio, puntualizzano quanto segue.

“A partire dal mese di novembre 2020, tutto l’Ospedale “M. Giannuzzi” è stato convertito in Ospedale COVID, secondo le indicazioni ricevute dalla Regione Puglia. Di conseguenza, tutti i pazienti, compresi i pazienti nefrologici, che si sono recati al Pronto Soccorso e che sono risultati negativi al COVID, sono stati trasferiti negli ospedali limitrofi. In ogni caso, è stata garantita l’attività di dialisi nei confronti dei pazienti negativi al COVID (circa 90 persone) e anche, attraverso percorsi differenziati, quella nei confronti di pazienti dializzati positivi al COVID. Presso il reparto di Nefrologia, inoltre, erano stati riservati alcuni posti per quei pazienti dializzati che necessitavano di approfondimento diagnostico” si legge nella nota della Asl.

“Dalla scorsa settimana, l’aumento del numero di accessi di pazienti COVID al Pronto Soccorso ha indotto la Direzione Medica a potenziare ulteriormente il numero dei posti letto per pazienti COVID positivi, rendendo necessario lo spostamento di personale e la conseguente sospensione di tutti gli eventuali ricoveri presso la Nefrologia del Presidio. Nel momento in cui la curva della pandemia tenderà alla riduzione, si ripristineranno tutte le attività assistenziali temporaneamente sospese, nel rispetto del Piano di Riordino deliberato dalla Regione Puglia” prosegue la Asl.

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)