Guastamacchia migliore in campo

 

Le pagelle di Brindisi-Taranto
pubblicato il 29 Marzo 2021, 08:46
3 mins

Bene così. Vittoria meritata a Brindisi e primato, sia pur ancora non definitivo a causa dei due match che il Casarano (40 punti) deve recuperare, per un Taranto (45) apparso come al solito solido (rischia nulla o quasi) e cinico (pareggia su ingenuità del difensore Nieves che tira giù per la maglietta in area di rigore Falcone e passa in vantaggio con una conclusione errata di Tissone intercettata come un rapace da Diaz, poi rischia di dilagare).

Ecco le pagelle :

CIEZKOWSKI 6: sul gol subìto è almeno un passo fuori dai pali. Si riscatta con un intervento provvidenziale poco oltre il novantesimo.

BOCCIA 6: sempre attento e pulito negli interventi difensivi.

SILVESTRI 6: non si passa dalle sua parti.

GUASTAMACCHIA 7: merita il voto migliore della giornata sicuramente per la rete realizzata ma anche per suggellare un rendimento costante fornito durante tutto l’arco del campionato.

FERRARA 6,5: come domenica scorsa un po’ di sofferenza iniziale ma poi prende dimestichezza con campo e avversari e risulta al solito pericoloso nelle sortite offensive.

MARSILI 6: bene ma non benissimo ma quanto basta per essere sempre nel vivo del gioco sia in movimento che da fermo.

TISSONE 5,5: il campo non permette ai giocatori tecnici come lui di esprimersi al meglio. Poco dinamico e in qualche occasione impreciso nei passaggi (dal 66’MATUTE 6,5: la dinamicità e la sostanza che mancavano al centrocampo rossoblù. In più è pericoloso in due occasioni con conclusioni dalla distanza).

MASTROMONACO 5: inghiottito dal pressing vorticoso del Brindisi nel primo tempo (dal 46’ SERAFINO 6,5: il suo ingresso in campo sortisce effetti benefici. Taranto più profondo e pericoloso. Assist di testa per il terzo gol e poi sfiora personalmente la quarta rete, sempre di testa).

RIZZO 6+: come detto non è partita per giocatori tecnici. I rimbalzi irregolari del terreno permettono poco gioco palla a terra ma lui nella ripresa giocando più largo a destra è bravo a creare superiorità numerica con i suoi dribbling. Trasforma il calcio di rigore del vantaggio con un’esecuzione centrale e morbida che solo un giocatore estroso può pensare di fare.

FALCONE 6,5: anche lui nella ripresa si allarga a sinistra e crea superiorità numerica. Con un’azione insistita in area di rigore del Brindisi, si procura il rigore decisivo per il vantaggio del Taranto (dal 83’DIABY S.V: ).

DIAZ 6+.: segna un gol di rapina degno dei migliori specialisti ( Paolo Rossi, Pippo Inzagni, paragono irriverenti ma che rendono l’idea). Per il resto nel modulo a due punte è più pericoloso. Nel primo tempo solo lavoro oscuro di ripiegamento (dal 93 CORVINO S.V: ).

LATERZA 6,5 : dopo un primo tempo in cui la sua squadra ha patito il pressing del Brindisi passando in svantaggio proprio allo scadere, nella ripresa capisce che serve un cambio modulo ed azzecca subito il cambio di Mastromonaco con Serafino e successivamente quello di Tissone con Matute che indirizzano la partita sui binari giusti.

 

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)