Covid, nuova ordinanza di Melucci

 

Confermata la "zona rossa rafforzata": chiusura alle 18:00 dei distributori automatici e divieto di stazionamento nelle vie del passeggio.
pubblicato il 27 Marzo 2021, 11:33
4 mins

L’ordinanza sindacale n. 11, firmata ieri dal primo cittadino Rinaldo Melucci e valida da oggi sabato 27 marzo fino al prossimo martedì 6 aprile, dopo Pasqua, conferma le misure in vigore e ne introduce di nuove per arginare gli effetti della pandemia.

Integrando quanto già disposto dal Governo e, in ultimo, dall’ordinanza n. 88 del Governatore Michele Emiliano, il provvedimento dispone:

  • il divieto di consumazione di alimenti e bevande su suolo pubblico durante l’intero arco della giornata
  • il divieto di accesso e stazionamento in pinete, giardini, parchi, passeggiate sui lungomari, spiagge, arenili e scogliere, per scongiurare tra l’altro le gite fuori porta tipiche della Pasquetta
  • la chiusura dei distributori automatici di alimenti e bevande (gli H24) dalle 18 alle 5 del giorno successivo
    • Tale prescrizione non è prevista per le cosiddette “casette dell’acqua”, i distributori automatici di tabacchi e carburante e i distributori presenti in farmacie, parafarmacie, uffici, caserme e strutture sanitarie.
  • Ogni giovedì, venerdì, sabato e domenica compresi tra il 27 marzo e il 6 aprile, inoltre, dalle 18 alle 5 del giorno successivo è vietato lo stazionamento in via Duomo, vicolo San Pietro, via D’Aquino, via Di Palma, via Regina Margherita, viale Liguria, corso Vittorio Emanuele II (Talsano) e in tutte le piazze cittadine, specificamente in piazza Garibaldi, piazza Giovanni XXIII, piazza della Vittoria, piazza Maria Immacolata, piazza Bettolo, piazzale Bestat, piazza Medaglie d’Oro, piazza Sicilia, piazza Masaccio, piazza Lo Jucco.
    • Questa misura servirà anche a evitare gli assembramenti all’esterno dei luoghi di culto, lasciando comunque la possibilità di attraversare queste aree per raggiungere il proprio domicilio o i luoghi che vi si affacciano.
  • I cimiteri cittadini, infine, saranno chiusi al pubblico il 28 marzo e il 3, 4 e 5 aprile, restando consentite solo le attività di tumulazione delle salme.

«Dobbiamo ancora stringere i denti – il commento del sindaco Melucci –, restiamo a casa per le festività pasquali, niente picnic e assembramenti in città. Sia una Pasqua autentica, preserviamo la salute di tutti e gli sforzi dei nostri operatori sanitari».

Funzioni e riti religiosi solo all’interno dei luoghi di culto

La nota stampa comunale riferisce anche di un incontro in videoconferenza, ieri mattina, tra il sindaco Rinaldo Melucci, i vescovi della provincia di Taranto, tra i quali l’arcivescovo monsignor Filippo Santoro, il prefetto Demetrio Martino e i rappresentanti delle forze dell’ordine, per consentire lo svolgimento di alcuni tra i riti religiosi legati alla Settimana Santa, nel rispetto dei protocolli sanitari.

La piena sinergia registrata tra le istituzioni presenti consentirà, nonostante le restrizioni, lo svolgimento di alcuni riti e cerimonie, patrimonio della cultura cittadina, evitando assembramenti e comportamenti a rischio, grazie alla rete di controlli istituita con il coordinamento di tutte le forze dell’ordine.

Riti e cerimonie si svolgeranno esclusivamente all’interno dei luoghi di culto, rispettando le misure previste dal protocollo d’intesa siglato da Governo e Conferenza Episcopale Italiana: rispetto del distanziamento sociale, obbligo di indossare mascherine e curare l’igiene delle mani, divieto di ingresso per chi presenta sintomi influenzali/respiratori, temperatura corporea pari o superiore ai 37,5°C o sia stato in contatto nei giorni precedenti con persone positive al Covid.

Non saranno consentiti, inoltre, assembramenti e stazionamento al di fuori dei luoghi di culto cittadini.

Il testo dell’ordinanza

Ordinanzan11del26marzo2021_signed
Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)